MICHEL DE CERTEAU E LA TEOLOGIA

Trovare Dio e cercarlo ancora

Quaderno 4057

pag. 35 - 46

Anno 2019

Volume III

6 luglio 2019

Il contesto dell’articolo. Michel de Certeau, gesuita morto nel 1986 a 61 anni, è stato soprattutto uno storico della mistica del XVII secolo, con particolare attenzione ai gesuiti Pierre Favre e, soprattutto, Jean-Joseph Surin. Il suo percorso intellettuale è stato segnato dalla cultura nella scienza storica, che si sviluppava al di fuori degli ambienti ecclesiastici, in qualche modo in una terra di missione per la Chiesa. 

Perché l’articolo è importante?

L’articolo, attraverso il pensiero di de Certau, affronta la complessa relazione tra la cultura e la mistica, considerandone anche i suoi eccessi. La mistica infatti mette in questione il punto di vista della filo­sofia tradizionale, perché offre un’aper­tura a un mondo ignoto, al di là del razionale, al mondo dell’«altro»: un tema, questo, diventato importante nella riflessione filosofica del XX secolo.

De Certeau vede la ricerca intrapresa dai mistici come un sintomo della difficoltà di vivere la scomparsa del senso. Egli era impressionato dalle difficoltà incontrate dal cri­stianesimo nel mondo contemporaneo, che non comprendeva più il linguag­gio dei teologi. Non solo a causa della secolarizzazio­ne ma soprattutto a causa dell’assenza di significato del discorso teologico. Nel 1969, de Certeau sostiene l’«idea» che Dio è diventato lo «straniero».

L’articolo poi espone la riflessione di de Certeau sull’interpretazione che Surin offre della cosiddetta indifferenza ignaziana, e di come essa contempli anche «l’indifferenza» di Dio verso le nostre scelte: il suo rispetto per la nostra libertà, insieme alla continuità della sua bontà, ci lascia responsabili di noi stessi. «Dio indifferente [significa che] tutto rimane da fare per chi vuole impegnarsi sui sentieri non tracciati dell’avve­nire, secondo il dinamismo di una creazione sempre rinnovata» (P. Lecrivain).

Quali sono le domande che l’articolo affronta?

  • Perché le epoche dei grandi scricchiolii dei sistemi culturali sono spesso accompagnate da fenomeni «de­vianti», mistici?
  • Cosa è un mistico e qual è dunque il suo ruolo nel tempo che vive?
  • Cosa si intende per «indifferenza» di Dio e per «teologia negativa»?

***

MICHEL DE CERTEAU AND THEOLOGY. Finding God and looking for him again

Michel de Certeau, a Jesuit who died in 1986 at the age of 61, was above all a historian of 17th century mysticism. His extensive scientific work keeps the question of otherness in the background and develops in the direction of the traces of our free practices within the multiple codes of our existence. This is expanded thanks to the critique of the writing of history, which gave de Certeau access to the most advanced university culture of his time. The article takes into consideration his work on mysticism, and in particular Jean-Joseph Surin’s interpretation of Ignatian “indifference”.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4057.

Acquista il Quaderno

MICHEL DE CERTEAU E LE SCIENZE DELL'«ALTRO»

Avventurarsi nel pensiero di M. de Certeau (1926-86) è un’esperienza difficile a motivo della complessità e della ricchezza della sua scrittura. L’articolo esamina soprattutto il modo nel quale egli affrontò la mistica ignaziana, percorrendo tre filoni principali: un’«arte di leggere»,...