Manoscritto de "L'Infinito" di Giacomo Leopardi.

IL BICENTENARIO DE «L’INFINITO»

Quaderno 4050

pag. 582 - 586

Anno 2019

Volume I

16 Marzo 2019
Voiced by Amazon Polly

ABSTRACT – È tornato a Recanati, prove­niente dal vicino comune di Visso, l’autografo de L’Infinito di Giacomo Leopardi. Cominciano così le celebrazioni per il bicentenario della stesura del cele­bre idillio: pubblicazioni, conferen­ze, spettacoli, mostre espositive. È uno dei 5 idilli (oltre a L’Infinito, ci sono La sera del dì di festa, Alla luna, Il sogno, La vita solitaria) che sono nati nel 1819 dalla commozione sperimentata dal poeta del sentirsi solo con se stesso in uno stato di isolato raccoglimento. Per giudizio con­corde di critici e lettori, costituiscono uno dei momenti più felici della poesia leopardiana.

La consuetudine meditativa e contemplativa, la co­stante corrispondenza tra l’anima del poeta e la natura fanno di questi testi l’espressione di una vicenda spiritua­le trascritta con mirabile sincerità. Quanto di intellettualistico e cultu­rale era presente nei versi giovanili, e si ritroverà nei canti ultimi, quanto di angoscia e disperazione derivan­te dalla consapevolezza dell’infelicità propria e di tutti gli uomini domina largamente l’opera leopardiana, si ri­solve negli idilli in ritmi e immagini e sentimenti di grande purezza.

In questo idillio Leopardi immagina la distesa dello spazio senza fine e poi il sopraggiungere della voce del vento, che gli fa percepire l’idea dello scorrere del tempo. Dunque, anche la vita umana e il suo dolore dilegueranno. E da questo pensiero dell’oblio e della morte nasce una certa dolcezza: «e il naufragar m’è dolce in questo mare». Sempre interessante è l’inter­pretazione che dell’idillio diede Francesco De Sanctis, per il quale il testo leopardiano è una contempla­zione che ha la sua sede nello spirito pensoso e concentrato del poeta.

Desta curiosità anche il confronto tra le interpretazioni sul carattere religioso de L’Infinito date da alcuni critici e, in particolare, dai due cattolici Carlo Bo e Divo Barsotti. La valutazione di Bo è alquanto cruda. A suo parere, la posizione del poeta recanatese non è religiosa. Barsotti pensa che Leopardi sia stato un cristiano che non sa cre­dere in Dio.

***

THE BICENTENARY OF LEOPARDI’S «THE INFINITE»

This year marks the bicentenary of the writing of Giacomo Leopardi’s famous composition The Infinite. It is one of the five idyls born from the emotion experienced by the poet of feeling alone with himself in a state of isolated recollection. In this idyll Leopardi imagines the expanse of space without end and then the arrival of the voice of the wind, which makes him perceive the idea of ​​the passage of time. Therefore, human life and its pain will also disappear. And from this thought of oblivion and death a certain sweetness is born: «And it is sweet to shipwreck in such a sea». This article presents the interpretations of The Infinite given by some critics and, in particular, by Carlo Bo and Divo Barsotti.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4050.

Acquista il Quaderno

«Il Copernico» di Leopardi

ABSTRACT – Il Copernico di Leopardi, ventunesima delle Operette morali, è la desolata constatazione di una realtà: l’uomo ignora di essere un frammento minimo dell’universo, si crede il centro del mondo e presume stoltamente della sua onnipotenza. Una lezione che...

«Dopo tanto cercare e indagare»

ABSTRACT - A proposito della religiosità di Giacomo Leopardi, è interessante leggere con sguardo critico in particolare le sue Operette morali. In esse si può riconoscere un cammino: dalla negatività dei primi dialoghi, in cui l’uomo è immerso nella morte...

LA VITA DI GIACOMO LEOPARDI NEL FILM «IL GIOVANE FAVOLOSO» DI MARIO MARTONE

Dopo il film Noi credevamo, Mario Martone prosegue con Il giovane favoloso un’indagine sulla storia italiana dell’Ottocento. Scorrono sullo schermo le figure e gli ambienti che fanno da contorno alla vita di Giacomo Leopardi. La casa-biblioteca del padre, conte Monaldo,...

DIVO BARSOTTI. Esegeta di Leopardi e Dostoevskij

È lecito parlare di religione nell’opera di Giacomo Leopardi? Non è, egli, l’assertore del nulla e dell’«infinita vanità del tutto»? Dostoevskij aveva la fede in un Dio personale? Credeva nella divinità di Gesù Cristo? In che senso l’uomo è epifania...