RECENSIONE

L’ECONOMIA MONDIALE DOPO LA GUERRA FREDDA

Filippo Cucuccio

Quaderno 4057

pag. 101 - 102

Anno 2019

Volume III

6 Luglio 2019
Voiced by Amazon Polly

Questo libro di Luciano Segreto, docente di Storia economica internazionale all’Università di Firenze, costituisce un utile strumento di orientamento per chi si trova a vivere in un contesto caratterizzato da repentini cambiamenti geoeconomici di grande importanza rispetto agli esiti della Seconda guerra mondiale e con un impatto significativo sul processo evolutivo di globalizzazione economica.

Il punto di partenza della narrazione è la caduta dell’impero sovietico alla fine degli anni Ottanta del secolo scorso, con la trasformazione del ruolo della Russia da superpotenza a grande produttore di materie prime energetiche. Seguono pagine dedicate al ruolo degli altri protagonisti della storia economica, a cominciare dagli Stati Uniti e dalla sfida lanciata ad essi, nel corso degli ultimi decenni, da differenti competitors asiatici: prima il Giappone, e poi la Cina.

Quanto all’Europa, ampio spazio nella trattazione viene riservato all’unificazione delle due Germanie, alla costruzione dell’Unione Europea, culminata nel Trattato di Maastricht, e alle successive problematiche incontrate sul percorso di una possibile evoluzione da unione economica a unione politica, senza dimenticare le molteplici crisi: da quella greca a quella ancora in atto della Brexit.

Vi è inoltre, nell’illustrazione dei nuovi equilibri geoeconomici, un’attenzione specifica al ruolo svolto negli ultimi decenni dai BRICs – acronimo dei nuovi più importanti Paesi emergenti: Brasile, India, Russia e Cina –, nonché dalle «nuove tigri» dei Continenti asiatico e africano.

Il capitolo conclusivo affronta il delicato tema della crisi finanziaria del 2007 e delle responsabilità delle diverse istituzioni coinvolte.

Questo libro, come sottolinea l’autore nelle pagine introduttive, vuole essere soprattutto un’interpretazione della storia dell’economia globale, fornendo utili chiavi di comprensione del contesto geoeconomico attuale e delle sue tendenze nel prossimo futuro, con una ricostruzione che mostra come ormai, al di là delle complessità di varia natura sperimentate in questo periodo storico, nessuno possa fare a meno della globalizzazione: né noi che viviamo nella parte più ricca del mondo, né coloro che vivono nelle economie emergenti.

LUCIANO SEGRETO
L’economia mondiale dopo la guerra fredda
Bologna, il Mulino, 2018, 176, € 16,00.

Acquista il Quaderno