(foto: unsplash.com@carloszurita)

RITORNARE ALL’OLIVO. PER UNA TEOLOGIA MEDITERRANEA

Quaderno 4106

pag. 105 - 120

Anno 2021

Volume III

17 Luglio 2021
Voiced by Amazon Polly

Nel suo discorso del 21 giugno 2019 a Napoli, papa Francesco ha incoraggiato l’elaborazione di una teologia mediterranea. Questa teologia, ha precisato, metterà in gioco «nuove narrazioni»: «Vi è bisogno di narrazioni rinnovate e condivise che, a partire dall’ascolto delle radici e del presente, parlino al cuore delle persone, narrazioni in cui sia possibile riconoscersi in maniera costruttiva, pacifica e generatrice di speranza». La narrazione, di cui queste pagine abbozzeranno uno schema, prenderà le mosse da una «composizione del luogo»: dal posto in cui ha parlato, papa Francesco intravedeva, attraverso i fitti rami di grandi alberi, il golfo di Napoli. Alla sua destra c’era una fila di lecci monumentali, la quercia dal fogliame sempreverde, tipica del bacino del Mediterraneo.

Allo stesso modo, le pagine che seguono considereranno il Mediterraneo a partire dai suoi alberi e, in particolare, da uno di questi, quell’olivo che ha un ruolo caratteristico nel paesaggio, nella vita sociale e nel patrimonio religioso del mondo mediterraneo. Si tratterà di arrendersi a un’evidenza: gli alberi rendono migliori le culture e le religioni. Conferiscono loro un surplus di dolcezza. E l’olivo, che viene coltivato su tutte le coste e nell’entroterra di questo bacino, lo fa in modo singolare. Se esso è, come scrisse l’agronomo romano del I secolo Columella, «il primo di tutti gli alberi», è anche il primo nel…

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4106.

***

FOR A MEDITERRANEAN THEOLOGY.A RETURN TO THE OLIVE TREE

In his speech on June 21, 2019, in Naples, at the Pontifical Theological Faculty of Southern Italy, Pope Francis encouraged the elaboration of a Mediterranean theology. In the spirit of Veritatis gaudium and  Laudato si’, this article considers the Mediterranean, commencing with the olive tree, which plays a distinctive role in its landscape, social life and religious heritage. In «its way of being in the world and composing with space and time» (J. Tassin,) the olive tree gives Mediterranean religions and cultures a blessed surplus of sweetness.

Acquista il Quaderno

Teologia e rinnovamento degli studi ecclesiastici

Il contesto dell’articolo. Lo scorso 21 giugno papa Francesco ha partecipato a un Convegno intitolato «La teologia dopo “Veritatis gaudium” nel contesto del Mediterraneo», organizzato nella sede della Sezione San Luigi della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, a Posillipo (Napoli)....