L’INFLUSSO AFRICANO SUL CATTOLICESIMO CINESE

Antonio Spadaro - Michel Chambon

Quaderno 4083-4084

pag. 270 - 282

Anno 2020

Volume III

1 Agosto 2020
Voiced by Amazon Polly

Il contesto dell’articolo. Nel corso degli ultimi decenni il crescente coinvolgimento della Cina in Africa ha portato molti osservatori a sottolinea­re che il cristianesimo cinese potrebbe trarre beneficio da que­sta nuova prossimità.

Perché l’articolo è importante?

L’articolo osserva innanzi tutto che i sempre più numerosi cittadini cinesi che si spostano in Africa e incontrano società dove le comunità cristiane sono vivaci. A quanto risulta, alcuni di quei cinesi hanno anche accolto il cristianesimo e lo hanno riportato con sé nel Paese d’origine. Quindi la Cina non sta «importando» dall’Africa soltanto risorse naturali e opportunità commerciali, ma anche cristiani. Sembra che tra costoro il gruppo più nume­roso sia composto da cristiani evangelici. Tuttavia non mancano altre tradizioni cristiane. Ma questo genere di importazione in corso nell’incontro afro-cinese ha anche un’altra dimensione, che viene menzionata di rado: gli africani che, da lavoratori, studenti, diplomatici, piccoli uomini d’affari, vivono in Cina e hanno rapporti con i cattolici locali.

Questa osservazione permette agli autori di esplorare quali implicazioni ne derivino anche per la Chiesa cattolica in Cina. Le loro riflessioni prendono le mosse in particolare da ciò che avviene nella città cinese di Guangzhou, una volta chiamata Canton, scelta da un numero crescente di migranti per lavorare e per studiare in Cina.

Dopo una breve presentazione della loro vita religiosa, l’articolo si concentra sui fedeli cinesi e sul clero locale, per esaminare come essi percepiscano la presenza degli africani cattolici. Infine, per valutare la portata di questa influenza africana, gli autori confrontano la situazione di Guangzhou con quella di altre grandi città cinesi. Si rilevano anche alcuni problemi, ma si conclude che i laici africani stanno aiutando la Chiesa in Cina a crescere.

Quali sono le domande che l’articolo affronta?

  • Qual è l’originalità del contributo alla vita ecclesiale della Chiesa in Cina apportato dai cristiani emigrati dall’Africa per ragioni di studio o di lavoro?

***

AFRICAN INFLUENCE ON CHINESE CATHOLICISM

Over the last few decades China’s increasing involvement in Africa has led many observers to point out that Chinese Christianity could benefit from this new proximity. In fact, the ever more numerous number of Chinese citizens who move to Africa meet societies where Christian communities are vibrant. The reflections here start in particular from what is happening in the Chinese city of Guangzhou, an experience that is then compared with that of other large cities in the country. Some problems are also noted, but it is concluded that African lay people are helping the Church in China to grow.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4083-4084.

Acquista il Quaderno