Islamic crescent, jewish David's star, christian cross (iStock/zanskar)

LAICITÀ DELLO STATO E RELIGIONI MONOTEISTE

Quaderno 4061

pag. 345 - 359

Anno 2019

Volume III

7 settembre 2019

Il contesto dell’articolo. Secondo Max Weber, la formazione dei moderni sistemi giuridici va letta parallelamente al processo di laicizzazione dello Stato moderno e di secolarizzazione della società civile e politica, che ha separato la sfera religiosa da quella secolare. Questo approccio è fortemente eurocentrico e non può essere utilizzato, come spesso è stato fatto, per interpretare situazioni esistenti in altre parti del mondo, dove prevalgono tradizioni religiose diverse. 

Perché l’articolo è importante?

L’articolo mette a confronto le tre religioni monoteiste di matrice abramitica, sottolineando i diversi approcci che esse, soprattutto negli ultimi secoli, hanno avuto nei confronti della modernità e della laicizzazione della compagine statale e delle sue istituzioni giuridiche.

Nelle società cristiane, la distinzione tra ambito religioso e ambito secolare è frutto di un lungo e articolato processo storico – tra l’altro diverso, tra occidente e oriente – che in realtà è iniziato già nei primi secoli del cristianesimo.

Nella tradizione ebraica, di fatto – fino alle cosiddette «leggi di emancipazione», che in Europa, a partire dal XVIII secolo, permisero agli ebrei di diventare cittadini di quegli Stati che da secoli li ospitavano – negli ambienti della diaspora il rapporto tra religione e diritto era indissolubile. Il problema si cominciò a porre, secondo le categorie occidentali, con la nascita, nel 1948, dello Stato di Israele.

Nella tradizione islamica, la comunità politica e la comunità religio­sa sostanzialmente coincidono, nel senso che sono ordinate allo stesso fine, sebbene indichino realtà differenti. Per questo, generalmente, nel mondo islamico esiste una forte compenetrazione tra reli­gione e Stato, tra norme religiose e leggi civili. Alla luce di alcuni tentativi di modernizzazione di stampo europeo, è chiaro che debba essere lo stesso mondo islamico a creare una propria sintesi dei rappor­ti tra autorità politica e autorità religiosa, tanto più che il Corano a tale riguardo lascia ampia libertà di scelta.

Quali sono le domande che l’articolo affronta?

  • La cultura islamica e ebraica contemplano il concetto di democrazia e di laicità così come sviluppato nel tempo e inteso nelle società di tradizione cristiana, in particolare «occidentale»?

***

SECULAR STATES AND MONOTHEISTIC RELIGIONS

According to Max Weber, the formation of modern legal systems should be viewed in parallel with the process of the secularization of the modern state and the secularization of civil and political society.  This fact has separated the religious sphere from the secular one, thus erasing from state law the original sacred elements inherited from ancient tradition. This approach is strongly marked by the Eurocentric perspective and cannot be used, as has often been done, to interpret situations existing in other parts of the world, where different religious traditions prevail. This article compares the three monotheistic religions of Abrahamic origin, underlining the different approaches they have had, especially in recent centuries, towards modernity and the secularization of the state and its legal institutions.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4061.

Acquista il Quaderno