Wind develops flag of the Republic of Kazakhstan (iStock/freedarst)

KAZAKISTAN, IL CAMMINO DOPO L’INDIPENDENZA

Quaderno 4061

pag. 394 - 407

Anno 2019

Volume III

7 Settembre 2019
Voiced by Amazon Polly

Il contesto dell’articolo. Il 9 giugno 2019 si sono svolte in Kazakistan le elezioni presidenziali, dalle quali è risultato vincitore Kassim Jomart Tokayev. Le dimissioni del presidente dell’indipendenza, Nursultan Nazarbayev, avvenute il 20 marzo scorso, avevano sollevato molte domande sul futuro del Paese. Il Kazakistan – il più grande Paese pianeggiante dell’Asia cen­trale – si trova proprio tra l’Europa e l’Asia, non solo per la sua posizione geografica, ma anche per la sua composizione etnica.

Perché l’articolo è importante?

L’articolo offre un interessante scheda di Paese-chiave dell’Asia centrale. Esso analizza in particolar modo come il processo di trasformazione del Kazakistan sia influenzato da diversi fattori, il più importante dei quali è la composizione religiosa ed etnica della popolazione del Paese. La principale frattura nella società kazaka non è però quella tra i diversi gruppi etnici o tra le religioni ma tra le culture: quella di lingua russa e occidentalizzata, da un lato, e quella kazaka, tradi­zionale, dall’altro.

Il saggio evidenzia che, se a livello religioso il Kazakistan tende a percorrere il cammi­no che dal secolarismo e dal multiculturalismo conduce in maniera sempre più decisa alla creazione di una società islamica omogenea (i musulmani sono il 65% della popolazione e sono prevalentemente kazaki), sul piano economico e politico la situazione è molto più comples­sa. Il Paese ha fatto valere la sua posizione di ponte tra l’emergente Asia – in particolare la Cina – e l’Europa, ma è ancora legato fortemente alla Russia. Cina e Russia si ritrovano unite nel rifiutare le influenze occidentali (specialmente americane); tuttavia mostrano in Asia centrale, lungo la «nuova via della seta», una certa rivalità per quel che riguarda l’influenza sulla regione. In particolare, il Kazakistan è ricco di risorse energetiche e dotato di un importante patrimonio infrastrutturale ereditato dall’Unione sovietica. 

Quali sono le domande che l’articolo affronta?

  • Come sta cambiando la presenza dell’islam tradizionale e che forme specifiche prende l’influenza dei missionari musulmani stranieri?
  • Qual è la posizione del Kazakistan rispetto a Russia e Cina, sulla «nuova via della seta»?

***

KAZAKHSTAN, THE ROAD AFTER INDEPENDENCE

On June 9, 2019 presidential elections were held in Kazakhstan, from which Kassim Jomart Tokayev emerged the winner. The resignation of his predecessor on March 20 raised many questions about the future of the Country, in particular regarding the relations between different ethnic and religious groups; the political and extra-political issues; and, the economic direction. The process of transformation is influenced by several factors, the most important of which is the religious and ethnic composition of the Kazakhstan population, and by several external forces, particularly Russia and China. These two countries find themselves united in rejecting Western influences (especially American); however, they show a certain rivalry in Central Asia as far as the influence on the region is concerned.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4061.

Acquista il Quaderno

La nuova via della seta nell’Asia centrale

ABSTRACT – Nel settembre 2013 il presidente cinese Xi Jinping ha annunciato il progetto di costruzione di una nuova via della seta. I cinque obiettivi di questa iniziativa dovrebbero essere: il coordinamento delle politiche degli Stati partecipanti; una maggiore comunicazione...

Il cristianesimo nell’Asia centrale

ABSTRACT – Sebbene il cristianesimo vi sia nato e fino alle conquiste arabe del VII secolo vi abbia avuto il suo fulcro, generalmente l’Asia viene considerata un continente caratterizzato religiosamente dall’islam, dal buddismo e dall’induismo. Solo pochi sanno che, anche...

L'islam in Russia

ABSTRACT – A 400 chilometri a est di Mosca sorge una delle città più belle e ricche della Russia: Kazan, capitale della Repubblica del Tatarstan, la più grande enclave musulmana della Federazione Russa. Attualmente si sta costruendo una linea per...