Rembrandt, “Geremia in lutto per la distruzione di Gerusalemme”.

“IL LIBRO DELLE RIVOLUZIONI”

Le battaglie di sacerdoti, profeti e re che hanno dato origine alla “Torah”

Quaderno 4142

pag. 184 - 189

Anno 2023

Volume I

21 Gennaio 2023
Voiced by Amazon Polly

Per secoli gli ebrei sono stati visti dai cattolici più o meno come ciechi seguaci di un Antico Testamento che non potevano comprendere davvero, perché, dopo la venuta di Cristo, quel testo non aveva più alcun significato indipendente.

Secondo l’espressione polemica di san Paolo, un velo copriva le loro menti, impedendo loro di comprendere: «Ma le loro menti furono indurite; infatti fino ad oggi quel medesimo velo rimane, non rimosso, quando si legge l’Antico Testamento, perché è in Cristo che esso viene eliminato» (2 Cor 3,14).

Nell’arte, e in particolare nella scultura, questa citazione si è tradotta in una nota immagine che raffigura due sorelle gemelle: una è l’orgogliosa, potente Ekklesia (Chiesa), dallo sguardo penetrante, e l’altra, la Synagoga (Sinagoga), è sconsolata, abbattuta e ha gli occhi bendati.

La Chiesa deteneva il monopolio della comprensione dell’Antico Testamento in virtù di un’esegesi allegorica che scorgeva Cristo presente ovunque in modo implicito nell’Antico Testamento e reso esplicito nel Nuovo.

Sant’Agostino ha paragonato fantasiosamente gli ebrei allo schiavo romano che camminava dietro il figlio del suo padrone, portandogli i libri mentre andava a scuola. Non sapeva leggerli, ma si assicurava che fossero messi a disposizione. Nel suo commento al Salmo 56, ha scritto: «Sono divenuti i nostri portalibri, come quei servi che portano i codici dietro ai loro padroni. I servi si affaticano portandoli, i padroni progrediscono leggendoli».

Dopo aver messo fine al diffuso insegnamento del disprezzo per gli ebrei e per l’ebraismo che era stato trasmesso per secoli dai cristiani, la Chiesa cattolica cerca ora di sradicare questo approccio anche dalla comprensione ebraica della Bibbia. Dal Concilio Vaticano II ai nostri giorni, il dialogo con il popolo ebraico ha portato i cattolici a rendersi conto che l’interpretazione ebraica dell’Antico Testamento ha molto da offrire loro.

L’importante documento del 2001 della Pontificia Commissione Biblica, Il popolo ebraico e le sue Sacre Scritture nella Bibbia cristiana, rilevava…

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4142.

Acquista il Quaderno