IL CARDINALE BELLARMINO E IL CASO GALILEO

Quaderno 4103

pag. 449 - 463

Anno 2021

Volume II

5 Giugno 2021
Voiced by Amazon Polly

Benché gli scritti del Bellarmino siano uno dei «più vasti oceani letterari del cattolicesimo moderno» e le Controversie costituiscano le opere più rappresentative del tempo, la fama del cardinale è legata a un fugace incontro con Galileo avvenuto nel 1616 – quando gli comunicò l’avviso della Congregazione dell’Indice su Copernico e gli rilasciò un attestato di onorabilità – e a una lettera in cui faceva riferimento allo scienziato.

A quella data, il Bellarmino, il più autorevole rappresentante del Sant’Uffizio e della Congregazione dell’Indice, ha 74 anni ed è al termine dei suoi giorni. Per la storia di oggi, conta poco che egli sia stato uno dei più grandi oratori del Seicento o che sia divenuto il maggiore teologo-politico dell’epoca post-tridentina. E conta poco, almeno per gli storici della scienza, che si sia interessato non soltanto di teologia e di esegesi, ma anche di cosmologia e di astronomia, e che a lui si debba il sostegno della scuola di matematica del Collegio Romano, dove il docente più illustre è p. Cristoforo Clavio, il riformatore del calendario di Gregorio XIII. Il cardinale, per la formazione dei sacerdoti, esigeva, insieme alla filosofia e alla teologia, anche la matematica. Pur sostenendo la sovranità del Papa – diretta o indiretta – su ogni comunità civile e religiosa, il Bellarmino è fautore «del diritto soprannaturale della verità»[1]: la ricerca della verità e l’autorità della verità sono…

Per leggere l’articolo, acquista il quaderno 4103.

***

CARDINAL BELLARMINO AND THE “GALILEO CASE”

Bellarmine’s writings are a “literary ocean” of modern Catholicism, with the Controversies his most representative work. However, the cardinal’s fame is linked to a meeting with Galileo in 1616 and a letter in which he referred to the scientist as follows, “He has not demonstrated that the Earth revolves around the Sun! And I believe that it can never be proved”, because it is against the Holy Scripture, the word of God. The discoveries made with the telescope -for example, that Venus revolves around the Sun, that Jupiter has four satellites and others besides-, signaled the crisis of the Ptolemaic system, with a new problem, i.e. what is the relationship between the Bible and Nature? Galileo’s Letter to Christine of Lorraine deals with this subject, with an innovative twist. Galileo discovered the autonomy of the scientific method: the Bible is not a science book; it does not teach “how the heavens go, but how one goes to heaven”.

Acquista il Quaderno

San Roberto Bellarmino, servitore della verità e dottore della chiesa

Quattro secoli fa, il 17 settembre 1621, il cardinale Roberto Bellarmino terminava a Roma la sua vita terrena. Aveva quasi 79 anni e il suo nome era noto in tutta Europa. Nel 1599, Clemente VIII, durante il concistoro in cui...