Papa Francesco con i vescovi cileni a Roma (15-17 maggio 2018)

FRANCESCO E LO SCANDALO DEGLI ABUSI IN CILE

Le lettere ai vescovi e al santo Popolo fedele di Dio

Quaderno 4034

pag. 155 - 166

Anno 2018

Volume III

21 luglio 2018

ABSTRACT – Lo scandalo degli abusi che ha colpito la società e la Chiesa del Cile è una ferita aperta, dolorosa e complessa, che da molto tempo sta sanguinando. Dal processo messo in atto da papa Francesco – sebbene ancora in itinere – e dai criteri di discernimento che egli ha individuato per sanare questa piaga, è possibile trarre una riflessione volta a beneficiare di questo nuovo modo di camminare insieme e di interpretare la realtà della Chiesa che il Papa promuove fra tutto il Popolo fedele di Dio.

Dentro questo iter, risultano particolarmente significativi due testi del Papa: la lettera-meditazione consegnata ai vescovi cileni – convocati a Roma dal 15 al 17 maggio, alla luce del rapporto di mons. Charles Scicluna – perché pregassero per un’intera giornata («Siamo riuniti per discernere, non per discutere»); e la lettera indirizzata «al Popolo di Dio pellegrino in Cile».

Nel primo testo è il Pontefice precisa i peccati concreti in maniera chiara e senza eufemismi. Condannare e punire le persone concrete va fatto, ma non basta. Per il Papa non si deve dare spazio alla tentazione di «spostare il problema sulle spalle degli altri». E non si deve cedere nemmeno alle tentazioni di «non andare a fondo nel cercare le radici e le strutture che hanno permesso a questi avvenimenti concreti di accadere e di perpetuarsi»; o di restare immischiati nel problema: la chiesa gerarchica cilena «ha smesso di guardare e di additare il Signore per guardarsi e occuparsi di se stessa» e così «il suo peccato è diventato il centro di attenzione».

A questo punto Francesco introduce il criterio di fondo per questo discernimento, che va contro la «psicologia da élite»: il criterio del tutto e della parte e il luogo che la gerarchia occupa nel complesso del Popolo fedele di Dio. «Questa coscienza del limite e della parzialità che occupiamo dentro il Popolo di Dio ci salva dalla tentazione e dalla pretesa di voler occupare tutti gli spazi, e specialmente un luogo che non ci spetta: quello del Signore».

Qui si inserisce la seconda lettera, nella quale il Papa si appella ai battezzati cileni per «invocare l’unzione che possedete come Popolo di Dio». Francesco chiede loro di non lasciarsi derubare di tale unzione e di non temere di essere protagonisti: «Con voi sarà possibile fare i passi necessari per un rinnovamento e una conversione ecclesiale davvero sani e a lungo termine». Il Papa esorta il Popolo di Dio ad avere il coraggio di dire ai suoi pastori: «Questo mi piace… questo non va bene». E, secondo Francesco, è a partire dalla riconoscenza delle stesse vittime rispetto alla presenza buona di Dio attraverso le persone che le hanno aiutate «in segreto» che può avere inizio la guarigione delle ferite che altri hanno causato abusando in segreto.

*******

FRANCIS AND THE ABUSE SCANDAL IN CHILE. The letters to the bishops and to the holy faithful People of God

The abuse scandals which have hit the Church and society in Chile is an open, painful and complex wound, which has long been bleeding. This article tries to give an account of the process put in place by Pope Francis and the criteria of discernment which he has identified to heal this scourge. There is no need to draw conclusions from a process that is still in progress; however, it is possible to make a reflection aimed at benefiting from this new way of walking together and interpreting the reality of the Church which the pope promotes to all the faithful People of God. According to Pope Francis’ words, we find ourselves before an invitation to become involved, to progress through research and to all build a prophetic Church, more synodal and open to hope.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4034.

Acquista il Quaderno

«Sradicare la cultura dell’abuso»

ABSTRACT – La «Lettera del Santo Padre Francesco al Popolo di Dio», pubblicata il 20 agosto 2018, segna un momento decisivo nella vita della Chiesa. Considerata insieme alla lettera che il Papa ad aprile ha indirizzato alla Conferenza episcopa­le del...

"Occorre ridare vita"

Il 25 agosto, durante la sua visita in Irlanda, papa Francesco ha incontrato un nutrito gruppo di gesuiti irlandesi. L’ incontro era previsto per le 18,20, ma il Pontefice ha preferito allungare il colloquio privato con otto vittime di abusi...

Papa Francesco ai vescovi cileni (15 maggio 2018)

Papa Francesco, dopo il suo viaggio in Cile, rigettando la logica del “capro espiatorio”, si è assunto in prima persona la responsabilità e la “vergogna" dello scandalo degli abusi su minori commessi da prelati nel Paese latino-americano, e della sua gestione. Con questo...

Papa Francesco "al popolo di Dio pellegrino in Cile"

Papa Francesco, dopo il suo viaggio in Cile, rigettando la logica del “capro espiatorio”, si è assunto in prima persona la responsabilità e la “vergogna" dello scandalo degli abusi su minori commessi da prelati nel Paese latino-americano, e della sua gestione. Con questo...

La dottrina della tribolazione

Perché riproporre oggi un testo dell’allora p. Jorge Mario Bergoglio che porta la data del Natale 1987? Prima di rispondere a questa domanda è necessario comprendere il contesto nel quale esso è stato scritto. P. Bergoglio firma una breve prefazione a...

Contro lo spirito di "accanimento"

Lo «spirito di accanimento» è sempre stato presente nella storia dell’umanità. Cambia la forma, ma si tratta sempre dello stesso dinamismo che porta alcuni ad accanirsi contro gli altri. Si è manifestato per la prima volta nella rabbia di Caino,...

«Dov’è che il nostro popolo è stato creativo?»

Martedì 16 gennaio 2018, alla fine del primo giorno pieno del suo viaggio apostolico in Cile e Perù, papa Francesco ha incontrato, intorno alle 19,00, novanta gesuiti cileni nel «Centro Hurtado» di Santiago. Giunto sul luogo, ha potuto vedere la...