PERCHÉ GLI ITALIANI SI DISPREZZANO?

Quaderno 3699-3700

pag. 230

Anno 2004

L’articolo riprende una domanda che frequentemente si rivolgono sia gli italiani sia gli osservatori stranieri della vita italiana. L’autolesionismo è una costante del carattere degli italiani e ha lontane origini nello svolgimento della loro storia civile e politica. Esso coesiste con la coscienza che gli italiani stessi hanno sempre avuto del loro altissimo contributo alla civiltà occidentale. È molto probabile che le forme contemporanee di autodenigrazione nazionale dipendano da problemi irrisolti del rapporto con il fascismo e dalle conseguenze della seconda guerra mondiale.

Acquista il Quaderno