RECENSIONE

TEORIE ED EFFETTI SOCIALI DEI MEDIA

Paradigmi, funzioni, campi d’indagine

Teorie ed effetti sociali dei media

Maurizio Mazzurco

Quaderno 4038

pag. 546

Anno 2018

Volume III

15 Settembre 2018
Voiced by Amazon Polly

Sono i mass media in grado di condizionare non soltanto le menti delle persone, ma anche relazioni, gruppi, istituzioni e società? In questo libro Carlo Gagliardi, docente di Teorie sociali della comunicazione, fa il punto su questo tema.

Quella degli effetti è una delle questioni più dibattute nella storia delle comunicazioni di massa, e oggi riprende vigore con la preoccupazione per le conseguenze deleterie causate da alcuni contenuti del web e dalle fake news.

La prima parte del volume prospetta gli elementi di costruzione di una teo­ria scientifica, i paradigmi sociali della comunicazione e una tassonomia teoretica. La seconda parte esamina le teorie degli effetti, positivi e negativi: effetti forti e diretti, selettività, influenza indiretta, effetti transitori, effetti cumulativi a lungo termine, teorie dell’agenda-setting, del gatekeeping e della coltivazione.

Sono dunque i media così potenti ed efficaci? Anche soltanto alcuni esempi dimostrano l’enorme portata delle questioni sollevate, a cominciare dalla considerazione che «ciò che sappiamo del mondo in cui viviamo lo sappiamo dai mass media» (p. 97): propaganda in guerra e propaganda politica, metodi di propaganda, persuasione e manipolazione.

I media sono in grado di creare o amplificare determinati orientamenti con l’annullamento simbolico delle opinioni minoritarie; di ridurre la capacità di percezione selettiva; di creare pressione al conformismo; di generare la paura dell’isolamento; di modellare la realtà con la selezione dei fatti. Non è possibile tracciare un quadro preciso, completo e univoco di come essi influenzino gli spettatori, gli ascoltatori, i lettori. La ricerca sulla comunicazione ha inizialmente elaborato il modello degli «effetti forti»: modello messo poi in discussione con l’introduzione di quello degli «effetti limitati». Oggi gli studiosi sembrano sostenere una posizione intermedia, prospettando effetti a volte più limitati e deboli, a volte anche molto potenti.

Ci chiediamo dunque: «Come difenderci?». Il Papa, ispirandosi a san Francesco d’Assisi, risponde invitandoci ad essere tutti strumenti della pace di Dio, riconoscendo il male che si insinua in una comunicazione che non crea comunione; capaci di togliere il veleno dai nostri giudizi; di rendere le nostre parole semi di bene per il mondo e, dove ci sono sensazionalismo, superficialità, aggressività e falsità, di portare sobrietà, interrogativi veri, rispetto e verità.

CARLO GAGLIARDI
Teorie ed effetti sociali dei media.  Paradigmi, funzioni, campi d’indagine
Roma, LAS, 2017, 226, € 15,00.

Acquista il Quaderno