RECENSIONE

Chiara D'Alessio

PEDAGOGIA E NEUROSCIENZE

Pedagogia e Neuroscienze

Danilo Campanella

Quaderno 4104

pag. 617 - 618

Anno 2021

Volume II

19 Giugno 2021
Voiced by Amazon Polly

In questo testo di Chiara D’Alessio, docente all’Università degli Studi di Salerno, è evidente, sin dalle prime pagine, l’intento dell’autrice di percorrere la strada per una nuova impostazione di ricerca, verso una realtà educativa nuova: «I rapporti positivi tra le scienze e la pedagogia sono da incoraggiare, poiché portano ad un arricchimento reciproco tra entrambe le fonti della conoscenza» (p. 9). Gli studi sull’educazione e quelli sul cervello sono quindi due ambiti di ricerca che non possono essere scissi.

Il libro «si basa sull’idea che, pur avendo i fattori costituzionali e genetici un ruolo importante nello sviluppo della mente umana, i fattori sociali e le relazioni umane plasmano lo sviluppo del cervello e della mente» (p. 11). Chi è dunque l’educatore? Citando il neuroscienziato Daniel Siegel, l’autrice spiega che l’educazione lavora in profondità, nel cervello e nei neuroni, «modificandone la struttura», parlando, per così dire, ai neuroni, tanto che un educatore potrebbe essere «definito un vero e proprio microchirurgo della mente» (p. 12). Il cervello «è dunque costituito da connessioni nervose che rendono possibile l’apprendimento e la memoria» (p. 40), e «sembra sia possibile migliorare le capacità di ritenzione e rievocazione delle informazioni» (p. 143).

Esistono vari tipi di strategie per potenziare la nostra memoria, e l’autrice le descrive, dandoci utili informazioni per migliorare le nostre capacità di apprendere e di studiare.

In questo libro D’Alessio propende chiaramente per una visione personalista dell’uomo, visto, con Edmund Husserl, come «corpo vivo, “leib”» (p. 99), dotato di coscienza, che risponde alle sollecitazioni dell’altro, in quell’orizzonte necessario per lo sviluppo dell’empatia, definibile, con Edith Stein, come «immedesimazione» (p. 105).

Ecco dunque delinearsi una nuova pedagogia, caratterizzata dall’apporto scientifico (neuropedagogico), una scienza dal carattere composito e interdisciplinare. È una «scienza seminale», un incontro tra le neuroscienze e le scienze pedagogiche.

CHIARA D’ALESSIO
Pedagogia e Neuroscienze
Lecce, Pensa, 2019, 188, € 18,00.

Acquista il Quaderno