(Unsplash/Rob Curran)

«PERCHÉ IL POPULISMO FA MALE AL POPOLO»

Un libro-conversazione con p. Bartolomeo Sorge

Quaderno 4064

pag. 184 - 190

Anno 2019

Volume IV

19 Ottobre 2019
Voiced by Amazon Polly

Il contesto dell’articolo. P. Bartolomeo Sorge – già direttore della Civiltà Cattoli­ca (1973-85) – ha pubblicato di recente un libro-intervista con Chiara Tintori, dal titolo Perché il populismo fa male al popolo. Le deviazioni della democrazia e l’antidoto del «popolari­smo». Nel volume emerge la sua esperienza ma anche la sua posizione di testimone autorevole di tutta una stagione sociale, politica ed ecclesiale del nostro Paese.

Perché l’articolo è importante?

L’articolo sottolinea che il punto di partenza del libro e delle argomentazioni di p. Sorge è il riconoscimento della presenza contemporanea di tre crisi nella nostra nazione: economica, culturale e politica. Sorge mostra che davanti a queste crisi la risposta oggi è scom­posta, e a tratti persino inquietante.

Di fronte a tali crisi p. Sorge mette in guardia contro il populismo, che ha in sé una vocazione anti-pluralista; sostiene che si deve favorire la piena maturazione della coscienza democratica dei cittadini; e ribadisce l’importanza dell’impegno dei cattolici in politica, ispirato al popolarismo, collaborando con partner politici di diverso orientamento culturale e ricercando il maggior bene concretamente possibile, in dialogo con gli uomini di buona volontà.

Infine l’articolo evidenzia come p. Sorge abbia pubblicato questo vo­lume prima dei recenti avveni­menti che hanno portato al secondo governo Conte; ma la sua lettura risulta utile, perché approfondisce, in modo agi­le e insieme profondo, i problemi in gioco, toccando la questione delle riforme istituzionali, la mancanza di una vera «destra» in Italia, la tormentata fase della sconfitta renziana.

Quali sono le domande che l’articolo affronta?

  • Come si configura oggi l’impegno dei cattolici nella politica italiana?
  • In che senso il popolarismo può essere ancora oggi non una generica ispirazione ideale, ma un progetto originale di società che si propone di giungere alla democrazia matu­ra?

***

“PERCHÉ IL POPULISMO FA MALE AL POPOLO”. A book and conversation with fr. Bartolomeo Sorge

The volume presented here is a conversation with Fr. Sorge about Italy, realized with lucidity of thought and immediacy of expression. The starting point is the recognition of the simultaneous presence of three crises in Italy, namely: economic, cultural and political. Fr. Sorge warns against populism, which has an anti-pluralist vocation in and of itself; he maintains that the full maturation of citizens’ democratic conscience must be encouraged; and, he reiterates the importance of the commitment of Catholics in politics, collaborating with political partners of different cultural orientations and seeking the greatest possible good in concrete terms, in dialogue with people of good will.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4064.

Acquista il Quaderno

Un «probabile Sinodo» della Chiesa italiana?

Quarantatré anni fa si è tenuto a Roma il primo grande Convegno nazionale della Chiesa italiana sul tema «Evangelizzazione e promozione umana», allo scopo di verificare in che misura il Concilio Vaticano II, a 10 anni dalla conclusione, fosse stato...

I cristiani che fanno l’Italia

Che posto ha il discepolato cristiano nel­la moderna società democratica? Come possono i cristiani contribuire a una sana democrazia e a un governo vera­mente popolare della nostra Italia? Per affrontare queste domande si è sviluppato un interessante dibattito sull’eredità di...