Giuseppe Garibaldi visiting Alessandro Manzoni on 15 March 1862, painted by Sebastian De Albertis, 1828-1897, oil on canvas, 1863.

MANZONI E LA DEMOCRAZIA

Quaderno 4046

pag. 183 - 188

Anno 2019

Volume I

19 gennaio 2019

ABSTRACT – Una vecchia rivista cattolica ce­lebrava la democrazia come realtà, forma e contenuto presente in tut­ta l’opera manzoniana. Ma che idea ebbe davvero Manzoni della democrazia e dei pericoli ai quali la vedeva esposta? In lui e nella sua riflessione non si scorge l’uomo politico, né come trattatista né come cittadino impegnato. Manzoni, anche in questo campo, resta lo psicologo sottile che, occupato a indagare i moventi e le colpe delle coscienze, è più moralista che storico dell’agire umano.

I giudizi critici prevalenti – tra gli altri quelli di Gramsci, Valitutti e Martinazzoli – esprimono in effetti l’opinione più diffusa di un Manzoni impolitico, cantore e difensore degli umili e insensibi­le alle esigenze delle masse. Sono giudizi che si sono formati sul pen­siero e sull’opera di Manzoni matu­ro, sugli Inni e sul romanzo, quan­do il processo di sviluppo della sua personalità umana e artistica s’era compiuto con gli ideali corrispon­denti, seguiti alla crisi della ragio­ne e della cultura illuministiche e al ritrovamento della fede cristiana.

Sono, tuttavia, giudizi che risultano parzialmente modificabili quando li si consideri alla luce di quello che Mario Pomilio chiamava «il Man­zoni minore». Si prenda, a esempio, il saggio che Manzoni aveva in progetto di scrivere sulla Rivoluzione fran­cese.

Dalla vita e dall’opera di Manzoni viene una lezione sempre valida. La speranza non è nel diritto che trionfi sulla forza, la purità sulla corruzione, il sacrificio sulla servilità. Neppure è nel mondo morale che vinca per sempre sulla terra con i suoi risultati nella vita pratica. La speranza è che i valori del mondo morale influiscano sempre più sulla coscienza e sulla vo­lontà degli uomini che lottano con­tro le forze del male.

Manzo­ni sapeva che «la nuova tirannia […] si serve proprio dell’idea del­la libertà, svuotata d’ogni pratico contenuto e ridotta quindi ad una mera astrazione, per legittimare la sua azione, attuando in tal modo un condizionamento ideologico che disarma “ideologicamente” gli avversari e in certo qual senso li “paralizza” e impedisce perfino di concepire ogni forma di resisten­za».

***

MANZONI, AND DEMOCRACY

This article briefly presents the idea of democracy held by the Italian poet and novelist Alessandro Manzoni, and the dangers to which he thought it was exposed. As a person, and in his writings, we cannot see a politician, neither as a negotiator of treatises, nor as a committed citizen. Also in the political arena, Manzoni is a subtle psychologist who, busy investigating reasons and guilty consciences, is more a moralist than a historian of human action. He is the writer who, while appreciating and accepting how good the historical phenomena produce, does not forget to let his moral rigor remain free.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4046.

Acquista il Quaderno