Papa Francesco a Hiroshima (foto: vaticannews.it)

IL VIAGGIO APOSTOLICO DI FRANCESCO IN THAILANDIA E GIAPPONE

Quaderno 4067

pag. 467 - 483

Anno 2019

Volume IV

7 Dicembre 2019
Voiced by Amazon Polly

Il contesto dell’articolo. Dal 19 al 26 novembre papa Francesco ha realizzato il suo trentaduesimo viaggio apostolico in Thailandia e Giappone. Questo viaggio segue le sue precedenti tappe asiatiche in Corea (2014), Sri Lanka e Filippine (2015), e in Myanmar e Bangladesh (2017).

Perché l’articolo è importante?

L’articolo del nostro direttore, membro del seguito papale, racconta il viaggio nelle sue tappe, mettendo in rilievo i significati degli eventi e dei discorsi, e il loro contesto.

In particolare, emergono dalla narrazione alcuni temi fondamentali: il dialogo tra le religioni, la necessità dell’inculturazione, la valorizzazione delle radici, la cura della «casa comune», la necessità di una società meno competitiva e più solidale, l’impegno di «alzare la voce» per la pace e contro la manipolazione delle religioni, e la condanna non solo dell’uso, ma anche del possesso stesso delle armi nucleari. A Hiroshima, sullo sfondo del , il Memoriale dell’esplosione della bomba avvenuta il 6 agosto 1945, il Papa ha detto: «Con convinzione desidero ribadire che l’uso dell’energia atomica per fini di guerra è, oggi più che mai, un crimine, non solo contro l’uomo e la sua dignità, ma contro ogni possibilità di futuro nella nostra casa comune. L’uso dell’energia ato­mica per fini di guerra è immorale, come allo stesso modo è immorale il possesso delle armi atomiche, come ho già detto due anni fa. Saremo giudicati per questo».

Infine, l’articolo fa notare l’insistenza del Papa nel corso di tutto il viaggio sul tema della «fratellanza umana»: «Dobbiamo lavorare insieme perché la nostra umanità sia più fraterna», ha detto in particolare Francesco al Patriarca supremo dei monaci buddisti thailandesi donandogli una copia del Documento firmato il 4 febbraio 2019 ad Abu Dhabi, e allargando così di fatto ad Oriente il percorso aperto con l’imam al-Tayyeb.

Quali sono le domande che l’articolo affronta?

  • Perché il Papa continua a privilegiare per i suoi viaggi le chiese dello «zero virgola»?
  • È lecito moralmente per la Chiesa produrre e detenere armi nucleari a scopo di deterrenza?

***

FRANCIS’ APOSTOLIC JOURNEY TO THAILAND AND JAPAN

From 19 to 26 November Pope Francis made his thirty-second apostolic journey – the seventh in 2019 – to Thailand and Japan. This journey follows his previous Asian journeys to Korea (2014), Sri Lanka and the Philippines (2015), and in Myanmar and Bangladesh (2017). Our director, a member of the papal retinue, recounts the journey in its stages, highlighting the meanings of the events and speeches and their context. In particular, some fundamental themes emerge from the narrative: the dialogue between religions, the need for inculturation, the enhancement of the roots, the commitment to “raise our voice” for peace, the condemnation of the possession of nuclear weapons, the care of the “common home”, the need for a less competitive and more supportive society. It is worth noting, in particular, the insistence on the theme of “human brotherhood”.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4067.

Acquista il Quaderno