DANTE E I GESUITI

Quaderno 4089

pag. 291 - 296

Anno 2020

Volume IV

7 Novembre 2020
Voiced by Amazon Polly

Il contesto dell’articolo. Nel 2021 ricorre il settimo centenario dalla morte di Dante Alighieri.

Perché l’articolo è importante?

In questa prospettiva, l’articolo ricorda che nel 1965, nel corso delle celebra­zioni per il settimo centenario del­la nascita di Dante, la nostra rivista pubblicò due articoli volti a sfatare un luogo comune. Nell’inconscio collettivo italiano resta infatti l’effetto di un’antica calunnia, secondo la quale i gesuiti italiani come tali sono sempre stati nemici dell’arte di Dante.

L’articolo riprende l’origine di tale diceria – l’opinione espressa nel Settecento dal gesuita Saverio Bettinelli – e la sfata, offrendo sinteticamente la storia dei principali commenti della Commedia scritti dai gesuiti in Italia lungo il corso di tre secoli.

Tra questi vale qui la pena citare san Roberto Bel­larmino, che è tra i primi conosci­tori ed estimatori gesuiti di Dante. Egli ha anticipato l’interpretazione di Dante fondata esclusivamente sul suo ge­nio poetico, indicando la via a colo­ro che avrebbero respinto il Dante nemico del papato e della Chiesa, il Dante manicheo o cabalista, mem­bro di una setta segreta. Lo fece applicando un metodo apolo­getico doppio: apologia del poeta, esaltandone il magistero dell’arte e, contemporaneamente, apologia del papato, riscattando il poeta dall’ac­cusa di averne voluto rinnegare il magistero della fede.

Quali sono le domande che l’articolo affronta?

  • Si può davvero affermare che Dante Alighieri sia e sia sempre stato inviso ai gesuiti italiani? Come si è formata questa diceria?

***

DANTE AND THE JESUITS

In the Italian collective unconscious, the effect of an ancient slander continues to reverberate, and according to which the Italian Jesuits as such have always been enemies of Dante’s art.  The article takes up the origin of this hearsay and the debacle, briefly offering the history of the main comments of the Comedy written by the Jesuits in Italy over the course of three centuries.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4089.

Acquista il Quaderno