foto: Jason Rosewell

LA TUTELA DELL’INFANZIA NELLA CHIESA CATTOLICA

Quaderno 4001

pag. 448 - 457

Anno 2017

Volume I

ABSTRACT — Nei mezzi di comunicazione torna spesso alla ribalta la questione degli abusi sessuali sui minori commessi da uomini di Chiesa. È fuori dubbio che la tutela dei bambini e dei giovani contro la violenza sessuale resta un problema nella Chiesa come nella società. Il turbamento per questo fenomeno è stato di recente espresso nuovamente dal Pontefice in almeno due occasioni: nella conversazione con i Superiori generali degli Ordini religiosi maschili e, successivamente, nella prefazione, scritta di suo pugno, a un libro il cui autore è una vittima di abusi, in cui tra le altre cose scrive: «Alle loro famiglie porgo i miei sentimenti di amore e di dolore e, umilmente, chiedo perdono. Si tratta di una mostruosità assoluta, di un orrendo peccato».

È anche vero però che la Chiesa ha preso coscienza del problema, anzi essa oggi — anche grazie all’intervento di Benedetto XVI prima e Francesco oggi — fa da battistrada sul tema della prevenzione e della tutela dei minori vittime di abusi; e ciò le viene riconosciuto anche dalle istituzioni non ecclesiali.

Senza dubbio, questo processo si è messo in moto con molto ritardo, dopo decenni, e non avanza ovunque con la stessa velocità. Si registra infatti anche una forte resistenza passiva, che in diverse Chiese locali procede in direzione opposta per quanto riguarda l’impegno nello scoprire, intervenire e prevenire gli abusi sessuali. D’altra parte, in molti luoghi si lavora seriamente nell’affrontare casi di abusi e quindi anche per realizzare o per lo meno per tendere a una prevenzione. E la prevenzione è efficace, come mostrano le statistiche.

In questo senso vale la pena prendere in considerazione, per esempio, il lavoro del Centre for Child Protection (Ccp), presso la Pontificia Università Gregoriana, che opera grazie al generoso sostegno dell’arcidiocesi di Monaco e Frisinga, della missio e della Kindermissionswerk di Aquisgrana. Il Ccp promuove il lavoro di prevenzione, dedicandosi soprattutto a quei Paesi dove finora si è fatto poco; e forma personale qualificato per esercitare questa attività localmente. Si tratta di offrire un aiuto per la tutela dei bambini e dei giovani ai collaboratori e alle collaboratrici ecclesiali nelle parrocchie, nelle scuole, negli asili infantili.

Il Ccp fa tutto questo in stretta collaborazione con la Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori, soprattutto nel campo della formazione dei candidati al sacerdozio e della formazione di personale dirigente nella Chiesa. Il Ccp intende offrire un impulso durevole al lavoro di prevenzione nella Chiesa, a livello universale, e una piattaforma di scambio di esempi di best practice nella prevenzione di abusi, che si estende a tutti i Paesi e continenti.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4001.

Acquista il Quaderno

Le ferite spirituali causate dagli abusi sessuali

ABSTRACT – In un incontro con papa Francesco, una vittima di abusi sessuali ebbe a dire con profonda tristezza e disperazione: «Gesù aveva vicino sua madre, quando ha affrontato la sofferenza ed è morto. Mia madre, la Chiesa, invece mi...

«VERSO LA GUARIGIONE E IL RINNOVAMENTO». Un Simposio alla Gregoriana sugli abusi sessuali

Dal 6 al 9 febbraio 2012 si è svolto, presso la Pontificia Università Gregoriana (Pug), un Simposio sul tema degli abusi sessuali. Scopo del Simposio era quello di comunicare che cosa si sta facendo nella Chiesa per affrontare gli scandali...

L'IMPEGNO DELLA CHIESA DEGLI STATI UNITI CONTRO GLI ABUSI SESSUALI SUI MINORI

All’inizio dell’anno scorso, la Chiesa cattolica statunitense è stata attraversata da una grave crisi di credibilità per lo scandalo della pedofilia. Nella cronaca si dà una presentazione ragionata della Carta e delle Norme essenziali per difendere i minori, due documenti...