(iStock.com/fiorigianluigi)

UNA TEOLOGIA DELLA MEMORIA IN TEMPI DI ABUSI SESSUALI COMMESSI DAL CLERO

Quaderno 4112

pag. 169 - 179

Anno 2021

Volume IV

16 Ottobre 2021
Voiced by Amazon Polly

Il 5 ottobre scorso è stato reso noto il Rapporto della Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa (Ciase) in Francia. Esso è stato chiesto dalla Conferenza episcopale francese e adesso è a disposizione per un esame approfondito, in modo che si possa compiere un nuovo passo qualificato nel campo della lotta contro gli abusi. Il Rapporto mostra come circa 3.000 preti e religiosi abbiano commesso abusi sessuali su minori o persone vulnerabili in 70 anni. Un totale di 216.000 persone in Francia oggi (con un margine di errore di 50.000) sono state abusate da preti e religiosi cattolici. Se si includono le aggressioni commesse da laici (soprattutto nelle scuole), questa stima sale a 330.000 persone. Ma questo è solamente un tassello di un quadro più ampio.

La crisi mondiale degli abusi sessuali da parte del clero ha inferto ferite che impiegheranno molti anni a guarire. Va riconosciuto che la negazione degli abusi è tuttora un problema. La terribile tragedia perpetrata nei confronti di bambini e adulti vulnerabili da parte del clero e le sue conseguenze lasciano tuttora cicatrici in tutto il popolo di Dio e rendono necessaria una teologia che valuti il ruolo della memoria. Essendo convinti che una famiglia che non ricorda scompare, riteniamo che quello della memoria sia un imperativo teologico. Ma quale tipo di memoria? Come si fa a guarire i ricordi? Come Johann Baptist Metz sottolineava a proposito dell’Olocausto ebraico, i componenti del popolo di Dio «non devono lasciarsi bloccare da memorie non riconciliate, nemmeno a livello teologico, ma piuttosto devono valersene con fede e con esse parlare di Dio».

Teologia e ferite dell’uomo

Se è vero che la memoria costituisce il grembo della storia e della teologia, in un mondo violento la teologia deve prendere le mosse proprio dai luoghi delle ferite. Questo articolo offre una rivisitazione del rapporto tra…

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4112.
(offerta promozionale su questo numero: euro 4.50 invece che 9)

***

A THEOLOGY OF MEMORY WHEN SEXUAL ABUSE IS COMMITTED BY THE CLERGY

The article offers a review of the relationship between humanity and God’s Church, which has been wounded by sexual abuse of minors by the clergy, but also a revisiting of the Church’s authority, which is undermined today by a loss of credibility. We need to formulate a theology capable of guiding the reconciliation of memory. The wounds inflicted on the victims by clergy must be an ongoing challenge for us. In reawakening the faith of the apostle Thomas by having him touch his wounds, Jesus tells him: “It is where you touch human suffering that you will realize I am alive. You will meet me wherever people are suffering.” This article on memory offers an insight into how to imagine the forgiveness of the unforgivable.

Acquista il Quaderno