PASOLINI E LA RELIGIONE DEL «SUO» TEMPO

Quaderno 4121

pag. 431 - 438

Anno 2022

Volume I

5 Marzo 2022
Voiced by Amazon Polly

«Eppure, Chiesa, ero venuto a te. / Pascal e i canti del Popolo Greco / tenevo stretti in mano, ardente, come se // il mistero contadino, quieto / e sordo nell’estate del quarantatre, / tra il borgo, le viti e il greto // del Tagliamento, fosse al centro / della terra e del cielo; e lì, gola, cuore e ventre // squarciati sul lontano sentiero / delle Fonde, consumavo le ore / del più bel tempo umano, l’intero // mio giorno di gioventù, in amori / la cui dolcezza ancora mi fa piangere… / Tra i libri sparsi, pochi fiori // azzurrini, e l’erba, l’erba candida / tra le saggine, io davo a Cristo / tutta la mia ingenuità e il mio sangue».

Avrete certamente riconosciuto i versi tratti dal poemetto La religione del mio tempo; sono i versi iniziali di un’invettiva virulenta nei confronti della Chiesa cattolica, invettiva che si conclude con le parole «La Chiesa / è lo spietato cuore dello Stato». Nella violenza dell’invettiva Pasolini non può non ricordare gli anni della sua gioventù in Friuli, quando era stato preso da una sorta di raptus religioso e, parlando della religione del suo tempo, non può non mettere a confronto il cristianesimo dei contadini del Friuli con il paganesimo dei ragazzi delle borgate romane, in questa Roma dove, a proposito di religione del suo tempo, lui si trova a fare i conti anche con «i pii possessori di lotti», «turpi alunni di un Gesù corrotto».

In Pasolini c’erano due elementi contrastanti che convivevano all’interno della sua personalità: da una parte, una religiosità di tipo istintivo, informe, lontana dalla sistematizzazione dei dogmi del cristianesimo inteso come religione istituzionale; dall’altra, come figlio del suo secolo, non poteva non razionalizzare tutto questo. Allo stesso tempo, quindi, viveva due momenti reciprocamente antitetici, ripresi nella Religione del mio tempo

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4121.

✅ Acquista e scarica anche il nostro volume monografico, PASOLINI.

Acquista il Quaderno

ENRIQUE IRAZOQUI: UN RAGAZZO CHE NON VOLEVA ESSERE GESÙ

Ho sempre considerato Matera un luogo dello spirito. Sono tornato tante volte con la mente e con il cuore nella città dei Sassi vedendo e rivedendo Il Vangelo secondo Matteo, il film che Pier Paolo Pasolini vi ha girato nel...