Nelson Mandela

LEADERSHIP E POETICA DELLA RICONCILIAZIONE

Quaderno 4073

pag. 439 - 447

Anno 2020

Volume I

7 Marzo 2020
Voiced by Amazon Polly

Il contesto dell’articolo. Di recente in Africa – pensiamo agli sviluppi in Sud Sudan, al Kenya, al conflitto tra Etiopia ed Eritrea – e in altre parti del mondo (ad esempio, tra le due Coree) si è levato un nuovo vento di riconciliazione. Ma l’ottimismo suscitato da questi passi verso la riconcilia­zione è offuscato dalla concreta possibilità che tali accordi di pace possano crollare sotto il peso di «narrazioni inconciliabili», che potrebbero riportare le varie comunità allo status quo.

Perché l’articolo è importante?

La tesi di fondo dell’articolo è che il successo o il fallimento di un accordo di pace non dipendono in primo luogo dalle capacità negoziali dei mediatori o dalla comple­tezza delle clausole che compongono l’accordo; piuttosto, sono condizionati da una trasformazio­ne della narrazione ideologica, nella quale spesso l’altro viene descritto come il nemico e l’usurpatore del bene comu­ne.

Cosa serve dunque? Nella sua esortazione ai corinzi sul ministero della riconcilia­zione (cfr 2 Cor 5,16-20), Paolo descrive la riconciliazione come un’impresa poetica. La riconciliazione richiede la disponibilità a vedere l’altro at­traverso lenti nuove. Da un punto di vista cristiano, questo cammino può essere scandito in cinque fasi – memoria, lamento, speranza, pa­trocinio e intimità – che l’articolo descrive nel dettaglio.

Poi l’articolo, propone alcune immagini bibliche della poetica di riconciliazione, dall’incontro tra il figliol prodigo e il padre nel momento del ritorno del figlio (cfr Lc 15,11-31) alla storia dell’incontro di Giuseppe con i suoi fratelli in Egitto (cfr Gen 50,15-21).

Infine, l’articolo suggerisce che questo genere di processo richiede uno specifico stile di leadership, chiamato «leadership di servizio». Tra le qualità del «leader servo» spiccano l’ascolto empatico, la capacità di risanare, la persuasione, l’ammini­strazione e la costruzione della comunità.

Quali sono le domande che l’articolo affronta?

  • Cosa serve per una riconciliazione autentica e duratura tra parti in conflitto?
  • Perché la riconciliazione fallisce se è intesa come «strategia» e non come «spiritualità»?

***

LEADERSHIP AND POETICS OF RECONCILIATION

The social landscape is dotted with broken relationships, be it broken families, polarized political groups, or divided trading partners. Although efforts towards reconciliation have borne commendable fruit, in many cases conflict resolution initiatives have not been successful. One reason for the frequent failure of such projects is that they tend to focus on the «problem» rather than the «relationship». Moreover, they do not aim to change the narratives by which the parties in the conflict define themselves and address the situation. This article argues that genuine and lasting reconciliation can only take place if the opposing parties agree to transform their narratives, to address the conflict situation from a more authentic and open position.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4073.

Acquista il Quaderno