Silhouette Of Refugees People (foto iStock/AndreyPopov)

IL «GLOBAL COMPACT» SULLE MIGRAZIONI

Quaderno 4044

pag. 549 - 563

Anno 2018

Volume IV

15 dicembre 2018

ABSTRACT – Poco dopo la Seconda guerra mondiale, nel 1951, la Convenzio­ne delle Nazioni Unite sui rifugiati, firmata a Ginevra – un trattato multilaterale giuri­dicamente vincolante – definì chi è un rifugiato, quali diritti hanno coloro che si trovano in questa situazione, e stabilì gli obblighi delle nazioni nei loro confronti. Tuttavia, a parte una Convenzione sui lavoratori migranti, fi­nora riguardo ai migranti in generale non c’è stato alcun accordo internazionale paragonabile a quella Convenzione del 1951. Così, alla luce della crisi migratoria europea del 2015-16, si è avviato un processo a cui ha partecipato anche la Santa Sede e che ha portato alla stesura e all’approvazione del Global Compact for Safe, Orderly and Regular Migration (Gcm).

Ora, più che una convenzione o un trattato, il Gcm è un accordo politico. Si tratta di un quadro cooperativo non giuridicamen­te vincolante, che fissa alcune norme basate sulle politiche e sulle prassi attuali dei suoi sottoscrittori. Il Gcm può essere utilizzato come uno strumento per aiutare gli Stati a gestire più efficacemente la migrazione attraverso la cooperazione internazionale. Espone le best practices che gli Stati già adottano al loro interno, a livello bilaterale e anche a livello regionale, come richiedono le circostanze politiche della singola nazione.

Iniziato con l’approvazione della Dichiarazione di New York su rifugiati e migranti, il processo che ha condotto al Gcm ha richiesto un anno di consultazioni informali e sei mesi di negoziati.

Nel mentre, il 1° gennaio 2017, all’interno del Vaticano, ha iniziato a operare la nuova Sezione migranti e rifugiati (M&R). Papa Francesco ha indicato gli elementi necessari nella risposta ai problemi dei migranti: «Accogliere, proteggere, pro­muovere e integrare»; e M&R ha preparato Venti Punti di Azione per i Patti Globali, di tenore pastorale, strutturandoli in base a questi quattro verbi.

Ora, c’è una chiara somiglianza tra i Venti Punti di Azione e i 23 Obiettivi individuati dal Gcm. Almeno 15 dei 20 punti possono rispecchiarsi nel Patto globale. Il documento enuncia inoltre 10 princìpi inter­dipendenti, che compongono l’accordo: la priorità della persona, la cooperazione internazionale, la sovranità nazionale, lo Stato di diritto e il giusto processo, lo sviluppo sostenibile, i diritti umani, la specifici­tà di genere, l’attenzione al bambino, l’approccio olistico governativo e l’approccio olistico sociale (cfr Gcm 15). Vi si afferma il principio di «non respingimento», an­che se il termine non compare espressamente nel testo (cfr Gcm 37).

Il Patto globale è stato adottato ufficialmente da 164 Paesi in una Conferenza intergovernativa sulla migrazione internazionale, tenutasi a Marrakech nei giorni 10-11 dicembre 2018.

***

THE “GLOBAL COMPACT” ON MIGRATIONS

In the context of the 2015-16 European migration crisis, a process was launched in which the Holy See took part leading to the drafting, approval and adoption of the Global Compact for Safe, Orderly and Regular Migration (GCM). Commencing with the approval of the New York Declaration on Refugees and Migrants, the process took one year of informal consultations and six months of negotiations. This article considers the main features of the GCM and its similarities with the Twenty Action Points on Global Compacts prepared by the Holy See. A positive evaluation of the GCM is given, especially as it offers best practices and calls for international collaboration.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4044.

Acquista il Quaderno

La Santa Sede e il «Global compact» sui rifugiati

ABSTRACT – Il 2 settembre 2015 la fotografia del corpo esanime di Alan Kurdi, un bambino di tre anni, su una spiaggia turca, ha spezza­to il cuore al mondo e ha attirato l’attenzione della comunità internazionale. Il bambino faceva parte...