IL LINGUAGGIO GIOVANILE

Quaderno 3713

pag. 471

Anno 2005

Volume I

Come parlano i giovani? Che linguaggio usano? Quali ne sono le fonti e le caratteristiche? Quali i suoi significati, i suoi rischi e le sue potenzialità? Si deve parlare di «linguaggio» o piuttosto di «linguaggi» giovanili? L’articolo intende affrontare queste domande, considerando anche la dimensione letteraria che il fenomeno comporta. Guida la riflessione la consapevolezza che il linguaggio non è un semplice strumento che permette di comunicare: la visione del mondo che ci circonda, la stessa esperienza che ne facciamo e la conoscenza che ne abbiamo sono anche di tipo linguistico.

Acquista il Quaderno