EMIL M. CIORAN, NAUFRAGO NEL MARE DEL NULLA

Quaderno 3886

pag. 367

Anno 2012

Volume II

19 maggio 2012

Nel centenario della nascita (1911) Emil M. Cioran, rumeno emigrato in Francia, è stato commemorato in vari convegni e pubblicazioni. Personalità complessa e convulsa, filosofo e scrittore, autore di volumi che sono un torrente di pensieri che ti getta in faccia, spesso in maniera brutale e ossessiva. L’articolo coglie le sue idee di fondo: veniamo dal Nulla e ci perdiamo nel Nulla; la vita è una disgrazia e una condanna; viviamo di illusioni e di maschere; la nostra felicità consiste nell’annientarci. In questa fiera nichilista non manca qualche spiraglio di speranza. «Per quanto disincantati siamo — afferma Cioran — ci è impossibile vivere senza alcuna speranza. Ne serbiamo sempre una, a nostra insaputa».

Acquista il Quaderno