RECENSIONE

IL SACRAMENTO DELL’ORDINE E LA VITA DEI CHIERICI

(cann. 1008-1054; 232-297)

James J. Conn

Quaderno 4076

pag. 201 - 202

Anno 2020

Volume II

18 Aprile 2020
Voiced by Amazon Polly

Il padre gesuita Gianfranco Ghirlanda, recentemente divenuto professore emerito della Facoltà di Diritto canonico della Pontificia Università Gregoriana di Roma, è uno dei più importanti canonisti dei nostri giorni. Il metodo da lui adottato per insegnare e per applicare il diritto canonico affonda le radici nella connessione tra legge e teologia. In carriera, ha insegnato agli studenti del primo ciclo di studio, quello propedeutico.

Alla fine degli anni Settanta il diritto canonico non risultava particolarmente attraente per i seminaristi e per il clero in generale. Il proposito di p. Ghirlanda, peraltro coronato con successo, è stato fin da allora di mostrare ai suoi studenti come le norme canoniche codificano l’esperienza della Chiesa, siano esse perenni o nuove, promuovendo e salvaguardando i valori ecclesiologici che hanno dato origine ad esse. Gli studenti imparavano la ratio legis, cioè la ragione e il contesto di ogni legge proposta dalla Chiesa.

Questo libro riguarda quegli stessi argomenti e segue un metodo simile. L’autore affronta i temi centrali della dottrina sugli Ordini sacri secondo la dottrina del Concilio Vaticano II, in particolare la distinzione e la complementarità tra il sacerdozio comune di tutti i battezzati e il sacerdozio ministeriale o gerarchico. Spiega l’insegnamento conciliare sui tre gradi dell’Ordine sacro, la sua esposizione nel Catechismo della Chiesa Cattolica e la sua manifestazione più recente nel Codice, come modificato nel 2009 dal «motu proprio» Omnium in mentem. Non manca un’ampia trattazione sulle ragioni per cui il sacerdozio è riservato agli uomini.

Ovviamente si riscontra una certa convergenza tra le due sezioni del libro: per esempio, per quanto riguarda il discernimento delle qualità dei candidati e della loro attitudine agli Ordini, nonché l’assistenza professionale che può essere richiesta alle scienze psicologiche nell’ammissione e nel progresso dei seminaristi. L’autore tratta accuratamente la questione in relazione sia al diritto alla privacy dei candidati sia all’obbligo per la Chiesa di esprimere giudizi informati.

Di particolare interesse è la trattazione che p. Ghirlanda dedica alla castità, all’obbedienza clericale, alla semplicità di vita e al rapporto di queste tre realtà con i consigli evangelici e con la vita consacrata.

Un altro argomento esaminato è quello della perdita dello stato clericale. Alle tematiche trattate dal Codice – la dichiarazione di invalidità dell’ordinazione, la pena di dimissione e la dispensa dagli obblighi dello stato clericale – l’autore aggiunge una discussione sulla realtà più recente della dimissione ex officio.

Ghirlanda è noto per la sua chiarezza espositiva nelle lezioni. Allo stesso modo, il linguaggio di questo libro è facilmente accessibile ai lettori.

Chi dovrebbe leggere questo libro monumentale? Diverse persone lo faranno per ragioni specialistiche: i docenti e gli studenti di diritto canonico e di teologia; i formatores dei seminari. Soprattutto leggeranno con piacere coloro che, come il presente recensore, sono stati studenti di p. Ghirlanda o i suoi colleghi di facoltà passati e presenti. Esso ricorderà loro l’ampiezza e la profondità della sua didattica, la disciplina della sua analisi, il coraggio delle sue convinzioni e la chiarezza delle sue argomentazioni.

GIANFRANCO GHIRLANDA
Il sacramento dell’ordine e la vita dei chierici (cann. 1008-1054; 232-297)
Roma, Gregorian & Biblical press, 2019.

Acquista il Quaderno