PERCHÉ ANCORA COLPI DI STATO IN AFRICA?

Le responsabilità dell’Unione Africana

Quaderno 4116

pag. 561 - 574

Anno 2021

Volume IV

18 Dicembre 2021
Voiced by Amazon Polly

C’è stato un tempo in cui si è creduto che l’era dei colpi di Stato militari fosse finita, in Africa come altrove. Purtroppo, la realtà, almeno nel continente africano, sembra essere diversa, visti i recenti colpi di Stato in successione, alcuni riusciti, mentre altri sono falliti. I più recenti sono quelli del Mali, della Guinea e del Ciad, e attualmente un altro è in corso in Sudan. Ciò è tanto più preoccupante, in quanto questi eventi si stanno verificando nella zona della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (Cedeao), ossia in una delle Comunità regionali che ha messo in atto forti misure per consolidare la democrazia e il buon governo.

Questa apparente contraddizione a livello regionale tra quanto previsto dalle norme e la realtà sul campo è di fatto la migliore rappresentazione di una tensione all’interno dell’intera Unione Africana (Ua). Infatti, a partire dagli anni Novanta del Novecento, con la fine della Guerra fredda e la nuova ondata democratica nel continente, si è cominciato a credere nella democrazia. L’allora Organizzazione dell’unità africana (Oua) ha iniziato a mettere in atto misure per incoraggiare i suoi Stati membri ad adottare il processo democratico per i cambiamenti politici. Così, mentre i colpi di Stato militari erano il modus operandi prima degli anni Novanta, durante il decennio successivo c’è stata una netta diminuzione della loro attuazione.

Durante questo periodo e fino a oggi, l’Oua prima e l’Ua poi hanno istituito un quadro normativo volto a combattere i «cambiamenti di governo anticostituzionali» (Cga) in Africa. Tra le misure più emblematiche e di valore normativo, sono da menzionare la Convenzione di Lomé del 2000; l’ Atto costitutivo dell’Unione Africana del 2000; e il Protocollo sugli emendamenti all’ Atto costitutivo del 2003, così come la Carta africana per la democrazia, le elezioni e la governance del 2007. Ma anche prima del 2000 c’erano stati documenti importanti che…

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4116.

***

WHY MORE COUPS IN AFRICA? The African Union’s responsibilities

The continent of Africa believed it had moved beyond the era in which changes of government took place through military coups. Unfortunately, in recent times there has been an upsurge in these «unconstitutional changes of government» (UCG,) the most recent of which was that of Sudan, which is still ongoing. This is despite the political and legal framework implemented by the African Union and the Organization of African Unity since the 1990s to strengthen the democratic process in order to combat such practices. The article examines the reasons for this failure to prevent UCG and suggests some ways out.

Acquista il Quaderno