Papa Francesco durante il suo pellegrinaggio penitenziale in Canada (foto: Vatican Media)

MEMORIA, GUARIGIONE, RICONCILIAZIONE

Il viaggio apostolico di papa Francesco in Canada

Quaderno 4133

pag. 390 - 404

Anno 2022

Volume III

3 Settembre 2022
Voiced by Amazon Polly

L’aereo Ita Airways, con a bordo papa Francesco, il suo seguito e i giornalisti accreditati, è decollato domenica 24 luglio 2022 alle 9,16 dall’aeroporto di Fiumicino, alla volta dell’aeroporto di Edmonton, dove è atterrato alle 11,20 circa. Così è iniziato il viaggio di papa Francesco in Canada, il secondo Paese più esteso al mondo, grande circa 10 milioni di kmq, abitato però solo da 38 milioni di persone.

Un Paese mosaico

Il Canada è un composito mosaico di popoli, religioni e culture di diverse origini, gravitanti attorno a due grandi aree culturali e linguistiche legate alla storia della sua colonizzazione: quella anglofona e quella francofona. Già abitato da popolazioni indigene, il Canada fu colonizzato da francesi e inglesi all’inizio del XVII secolo. La Francia cedette gran parte dei suoi territori al Regno Unito nel 1763, dopo la sconfitta subita durante la Guerra franco-indiana nell’ambito della Guerra dei sette anni.

Nel 1867 nacque la Federazione canadese, con l’unione di tre colonie del Nord America britannico. Nel 1931 lo «Statuto di Westminster» sancì l’indipendenza del Canada all’interno del Commonwealth.

Dal 1993 sono stati firmati diversi accordi e trattati, per rispondere alle richieste di autonomia delle tribù indiane: First Nations («Prime Nazioni», che rappresentano la comunità predominante di indigeni del Canada, nella parte meridionale del territorio della nazione); Métis (i meticci discendenti dall’unione fra indigeni ed europei situati nella parte più occidentale del Canada); e Inuit (che abitano la zona artica).

Un lungo processo di verità e riconciliazione

Con queste tribù è stato avviato un lungo processo di verità e riconciliazione sulla drammatica vicenda degli oltre 150.000 bambini autoctoni costretti a frequentare le scuole residenziali indigene, affidate dal governo, con scarsi finanziamenti, ad alcune comunità cristiane (Chiesa cattolica, anglicana, e Comunità protestanti), nell’ambito della politica di assimilazione forzata promossa per oltre un secolo dallo Stato canadese. Infatti…

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4133.

Acquista il Quaderno

Camminare insieme

È il 29 luglio, l’ultimo giorno del viaggio apostolico di papa Francesco in Canada. Sta per concludersi la tappa a Québec e iniziare quella a Iqaluit, nel Nord, dove è in programma l’incontro con gli Inuit. La conversazione con i...

Perché il Papa in Canada?

Nei giorni fra il 28 marzo e il 1° aprile di quest’anno una delegazione di rappresentanti dei popoli indigeni del Canada si è recata a Roma, accompagnata da alcuni vescovi canadesi, e ha avuto diversi incontri con papa Francesco, che...