(foto: iStock/naruedom)

IL 2022: UN ANNO DI SVOLTA PER IL KAZAKISTAN?

Disordini e referendum costituzionale

Quaderno 4133

pag. 381 - 389

Anno 2022

Volume III

3 Settembre 2022
Voiced by Amazon Polly

I tragici eventi del gennaio 2022 hanno mostrato ancora una volta che le Repubbliche nate dal crollo dell’Urss sono ancora ben lontane dalla stabilità (il Kazakistan qui non rappresenta un’eccezione, ma solo un esempio).

Grandi però sono le differenze nel modo in cui le élite dominanti reagiscono a tali proteste: si va dal tentativo di consolidare il potere per mezzo di repressioni fino a quello di introdurre alcune riforme, anche se queste a volte possono essere soltanto una foglia di fico dietro cui nascondere il nudo mantenimento del potere. Il fatto che la leadership del Kazakistan abbia indetto un referendum per giugno 2022 può essere interpretato in entrambi i modi. Ma una cosa appare chiara: in caso di fallimento delle riforme, il Paese non potrà certo tornare alla pace.

I disordini del gennaio 2022

Le proteste sono scoppiate il 2 gennaio nelle regioni produttrici di petrolio e gas, che di per sé dovrebbero essere ricche, ma che in realtà sono tra le più povere del Paese. All’inizio, le richieste erano di stampo puramente economico. La ragione immediata era stata l’aumento dei prezzi del gas liquido, che in Kazakistan è molto importante come combustibile per l’autotrazione, dopo che il governo aveva eliminato il controllo dei prezzi; ma quella era solo la causa scatenante in una situazione di malcontento generale.

bandiera del Kazakistan.

La bandiera del Kazakistan

Le proteste sono scoppiate spontaneamente, ma, come avviene quasi sempre in situazioni del genere, ci sono stati alcuni tentativi di sfruttarle per fini politici. Non è ancora chiaro quale gruppo elitario concorrente sia stato il primo a decidere di sfruttarle. Anche i gruppi islamisti hanno cercato di associarsi a esse.

Gli attori principali però erano i cosiddetti mambet, giovani provenienti da ambienti rurali, che si sono trasferiti nelle grandi città alla ricerca di migliori condizioni di vita. Tuttavia, anche gli estremisti musulmani provengono per la maggior parte da questa fascia sociale, e in questo il Kazakistan non si differenzia da molti altri Paesi.

A uscire vincitori …

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4133.

Acquista il Quaderno

Il viaggio di Francesco in Kazakistan, «Paese dell’incontro»

Alle 7,15 del 13 settembre 2022 il volo con a bordo papa Francesco, il suo seguito e i giornalisti accreditati è decollato dall’aeroporto di Fiumicino alla volta dell’aeroporto di Nur-Sultan, capitale del Kazakistan. Così ha avuto inizio il 38° viaggio...

Kazakistan, il cammino dopo l’indipendenza

Il contesto dell’articolo. Il 9 giugno 2019 si sono svolte in Kazakistan le elezioni presidenziali, dalle quali è risultato vincitore Kassim Jomart Tokayev. Le dimissioni del presidente dell’indipendenza, Nursultan Nazarbayev, avvenute il 20 marzo scorso, avevano sollevato molte domande sul...

La nuova via della seta nell’Asia centrale

ABSTRACT – Nel settembre 2013 il presidente cinese Xi Jinping ha annunciato il progetto di costruzione di una nuova via della seta. I cinque obiettivi di questa iniziativa dovrebbero essere: il coordinamento delle politiche degli Stati partecipanti; una maggiore comunicazione...