IL CINEMA TRA STORIA E RELIGIONE

Quaderno 3966

pag. 531

Anno 2015

Volume III

26 settembre 2015

Nel tracciare una linea di demarcazione tra interferenze e confluenze nei rapporti del cinema con la storia, Tiziana Di Blasio, nel volume Cinema e storia. Interferenze/confluenze, si sofferma sulla cinematografia di argomento religioso come su un terreno che le è particolarmente congeniale. Sfilano così nel libro le opere di grandi maestri che con il cinema hanno saputo affrontare argomenti impegnativi nell’ambito della cultura religiosa, collocandoli in un contesto storico pienamente credibile: Drayer, Bresson, Pasolini, Bergman Tarkovskij… L’esempio più convincente viene da Roberto Rossellini, il quale, nella parte finale della sua carriera, ha saputo immergere personaggi storici nell’ambiente in cui hanno effettivamente vissuto, ottenendo come risultato di rendere comprensibili ai nostri contemporanei i loro gesti e le loro parole.

Acquista il Quaderno

In memoria di Ingmar Bergman

La morte di Ingmar Bergman, avvenuta lo scorso 29 luglio, offre l’occasione per uno sguardo complessivo alla sua vita. Nato a Uppsala nel luglio 1918, figlio di un pastore luterano, aveva ricevuto un’educazione severa che ha provocato in lui una...