His Holiness Pope Francis and His Eminence Dr Ahmad Al Tayyeb, Grand Imam of the Al Azhar Al Sharif, sign the 'Human Fraternity Document'. ---

FRATELLANZA UMANA

Una riflessione sul Documento di Abu Dhabi

Quaderno 4054

pag. 313 - 327

Anno 2019

Volume II

18 maggio 2019

ABSTRACT ­– Il 4 febbraio 2019 papa Francesco ha firmato, insieme allo sceicco Ahmad al-Tayyeb, un Documento sulla fratellanza umana. Il testo merita di essere commentato sia dal punto di vista della teologia cattolica sia dalla prospettiva degli studi islami­ci. È stato accolto con entusiasmo come punto di riferimento per una convivenza mondiale responsabile, ma altri lo rifiutano come dannoso per l’identità cattolica.

Un primo importante elemento di contesto. Testi analoghi erano già stati firmati in passato. Questa volta, però, diversamente dalle precedenti, a sottoscrivere la dichiarazione non sono state le delegazioni, ma il Pontefice stesso e un leader islamico. Da quando, nel 1924, è stato abolito il califfato, non esiste più, è vero, un rappresentante dell’islam che abbia preminenza mondiale (almeno nel mondo sunnita). Tuttavia Al-Tayyeb detiene una delle cariche islamiche più importanti: è il Grande imam della Moschea-Università di al-Azhar, un’istituzione molto influente sia sotto il profilo religioso sia sotto quello accademico, che si trova al Cairo ed è il cuore di una rete educativa internazionale.

Inoltre, le quattro dichiarazioni di papa Francesco, nel corso degli anni, mostrano che questo documento congiunto non è nato dal nulla. Nella domenica di Pentecoste del 2014, Francesco ha ricevuto il leader palestinese Maḥmūd Abbās e l’allora presidente israeliano Shimon Peres nei Giardini Vati­cani e, sotto un cielo terso e luminoso, ha ricordato a tutti i politici la responsabilità che hanno davanti a Dio di spezzare la spirale dell’odio. Lo si potrebbe fare, ha detto, «con una sola parola: “fratello”. Ma per dire questa parola dobbiamo alzare tutti lo sguardo al Cielo, e ricono­scerci figli di un solo Padre».

Il titolo del documento verte proprio «sulla fratellanza umana» e trova su questo tema il punto di incontro. Il testo affronta la violenza contro gli esseri umani e contro la casa comune, ed è un appello alle religioni a far vedere come il futuro dipenda dal loro dialogo, conoscenza mutua e collaborazione fraterna. Così integra le formulazioni del Concilio Vaticano II e le richieste dei Papi degli ultimi 55 anni.

La Dichiarazione di Abu Dhabi ha generato polemiche fin dalla sua pubblicazione. Noi l’abbiamo esaminata insieme a studenti e a esperti, musulmani e cristiani, a Gerusalemme e a Roma. E presentiamo nell’articolo integrale i punti più frequentemente criticati, rispondendo alle obiezioni sollevate.

***

HUMAN FRATERNITY. A reflection on the Abu Dhabi Document

On February 4, 2019, Pope Francis and Sheikh Ahmad al-Tayyeb, Great Imam of al-Azhar, jointly signed a Document on Human Fraternity. The text was received with enthusiasm and seen as a reference point for responsible global coexistence, but others have rejected it as representing a threat to Catholic identity. In this article a historical-contextual reading is undertaken. The text deals with violence against human beings and against the common home, and it is intended as a call to religions to show how the future depends on their dialogue, mutual knowledge and fraternal collaboration. Thus, the Document integrates the formulations of the Second Vatican Council and the Popes’ requests over the last 55 years.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4054.

Acquista il Quaderno

«Gettare noi stessi al largo della storia»

ABSTRACT – Il 29° viaggio apostolico di papa Francesco – svoltosi dal 5 al 7 maggio 2019 – ha avuto come meta la Bulgaria e la Macedonia del Nord. In Bulgaria i cattolici sono circa 68.000, cioè lo 0,95% della...

Religioni e violenza

ABSTRACT – Gli attacchi dell’11 settembre 2001 hanno contribuito ad associare fortemente, nella mente di molti nostri contemporanei in tutto il mondo, religione e violenza. Già Giovanni Paolo II, con l’Incontro interreligioso di Assisi del 1986, aveva voluto contrapporsi vigorosamente...

«La Chiesa si fa colloquio»

ABSTRACT – Papa Francesco dal 30 al 31 marzo ha compiuto un viaggio apostolico in Marocco. La visita all’islam marocchino è stata segnata dal valore centrale del documento che papa Francesco e il Grande imam di al-Azhar avevano firmato il...

«Sentinelle di fraternità nella notte»

ABSTRACT – Dal 3 al 5 febbraio 2019 papa Francesco si è recato negli Emirati Arabi Uniti. L’occasione di questa visita del Papa è stata offerta dal «Convegno Internazionale sulla Fratellanza», promosso dal Consiglio islamico degli anziani. In questa circostanza...

«Fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune»

Il primo appuntamento pubblico del viaggio negli Emirati Arabi Uniti – dove il Papa è giunto domenica sera, 3 febbraio – è stato l’incontro interreligioso svoltosi nel pomeriggio di lunedì 4, presso il «Founder’s Memorial» ad Abu Dhabi. Al termine il Grande Imam...