«PER GIUNGERE ALLA PIENA UNITÀ». DAL CONCILIO DI FIRENZE ALL’ABBRACCIO DI ISTANBUL

Quaderno 3951

pag. 209

Anno 2015

Volume I

07.02.2015

Papa Francesco, nel suo viaggio in Turchia, dal 28 al 30 novembre 2014, ha avuto diversi incontri istituzionali, tra cui quello con Bartolomeo I, Patriarca di Costantinopoli, durante il quale ha formulato una proposta di unione con l’ortodossia. Il Papa ha ripreso una mozione fatta nel 1982 dall’allora cardinale J. Ratzinger: Roma non deve chiedere all’Oriente più di quanto è stato formulato e vissuto nel primo millennio. Era il recupero di un’antica formula del Concilio di Firenze nel 1439: una riunificazione della Chiesa latina e greca sulla base di una parità, e non un ritorno alla «Chiesa madre». Se a quel tempo l’unione è stata più spettacolare che reale, ne emerge tuttavia un modello emblematico per la storia del cristianesimo, nella parità delle strutture ecclesiali: in qualche modo, un ecumenismo ante litteram. 

Acquista il Quaderno