Perché Bergoglio risponde alle sfide del Terzo Millennio

Reset · 26/07/2020

C’è qualcosa di difficilmente identificabile in Jorge Mario Bergoglio e che lo porta naturalmente a svolgere nella Chiesa e nel mondo di oggi un ruolo simile a quello del medico chiamato a salvarci da una malattia a noi sconosciuta ma a lui ben nota, un virus che si va diffondendo a una velocità impressionante e che apparentemente solo lui ci sta aiutando ad arginare. […]

La sua storia personale, la sua formazione umana, lo pongono al centro del nostro tempo, delle sue emergenze, delle sue paure. […] Questo lo ha fatto capire a mio avviso  in modo insuperabile e commovente nel discorso che rivolse ai gesuiti della Civiltà Cattolica in occasione della pubblicazione del loro quaderno numero 4000. In quel discorso Papa Francesco disse che occorrono tre “i”: inquietudine, incompletezza di pensiero e immaginazione. Difficile raccomandare agli altri ciò che non ci riguarda: dunque il Papa è inquieto, sa incompleto il suo pensiero, avverte l’esigenza di immaginare. Questa lezione può aiutare tutti. 

Leggi tutto su Reset.

 

Correlati

Papa Francesco incontra «La Civiltà Cattolica» in occasione della pubblicazione del fascicolo 4000

Giovedì 9 febbraio, alle ore 10,10, papa Francesco ha ricevuto in udienza, nel suo studio del Palazzo apostolico, il p. Arturo Sosa, Preposito generale della Compagnia di Gesù, e il p. Antonio Spadaro, direttore de «La Civiltà Cattolica». Dopo questo...