PIETRO FAVRE, IL LUTERANESIMO E L’UNITÀ DEI CRISTIANI

Quaderno 3924

pag. 543

Anno 2013

Volume IV

21 Dicembre 2013
Voiced by Amazon Polly

In questo articolo vengono presentati innanzitutto l’incontro casuale di Pietro Favre, Francesco Saverio e Ignazio di Loyola nel Collegio di Santa Barbara dell’Università di Parigi e, in particolare, l’ambiente studentesco, caratterizzato da una complessa situazione ecclesiale e politica, che la diffusione delle idee luterane rendeva ancora più grave. Da qui nasce la domanda sui contenuti evangelici che animavano l’azione riformatrice di Ignazio, tra i quali si segnalano la povertà, la gratuità, la disponibilità all’aiuto del prossimo, preferibilmente a Gerusalemme. Pietro Favre è il primo tra i compagni di Ignazio ad accogliere tali ideali e a decidersi a diventare sacerdote. Inviato in Germania, egli affronta dal vivo il problema della Riforma luterana. La sua risposta è non entrare in discussioni teologiche, ma partire da ciò che unisce. Un atteggiamento, questo, che corrisponde a quello raccomandato dal Concilio Vaticano II.

Acquista il Quaderno