L’ITALIA ENTRA NELLA «GRANDE GUERRA»

Quaderno 3958

pag. 339

Anno 2015

Volume II

30 Maggio 2015
Voiced by Amazon Polly

Il 24 maggio 1915 l’Italia, dopo 10 mesi di neutralità, dichiarò guerra all’Austria-Ungheria ed entrò a fianco delle potenze dell’Intesa (Francia, Inghilterra e Russia) nella «grande guerra». Iniziava così una guerra voluta e decisa da una parte della classe dirigente la cui lunga «gestazione» aveva creato contrapposizioni politiche e culturali molto forti nel Paese tra neutralisti e interventisti, dividendo borghesi e contadini/proletari, ma che ben presto sarebbe diventata la guerra di tutti gli italiani. Di fatto, essa contribuì a formare la nazione più delle guerre risorgimentali e dell’opprimente centralismo dello Stato liberale post-unitario, riunendo gli italiani prima nel dolore e nell’elaborazione del «grande lutto» (la guerra produsse circa 650.000 vittime), poi nella mentalità, nella lingua, e soprattutto nell’orgoglio di sentirsi parte di una grande nazione vittoriosa.

Acquista il Quaderno