RIPENSARE L’INCULTURAZIONE IN AFRICA

Quaderno 3744

pag. 595

Anno 2006

Volume II

L’Autore, gesuita camerunese che prepara il dottorato in Antropologia sociale all’Università di Oxford (Gran Bretagna), affronta il tema dell’inculturazione della fede cristiana in Africa. Nell’epoca coloniale il cristianesimo è penetrato in Africa insieme alla cultura occidentale; nel tempo postcoloniale si sente l’esigenza di rivalutare anche in campo religioso le tradizioni locali. Attualmente tale ibridismo è il destino della maggior parte delle culture, poiché non esiste una cultura pura. Bisogna perciò rinunciare a considerare l’inculturazione come spogliazione del cristianesimo dal suo involucro occidentale. L’inculturazione in Africa va intesa come l’arricchimento, nelle culture attuali, di un cristianesimo già modellato nelle culture ebraiche e occidentali.

Acquista il Quaderno