LA RELIGIONE COME ANTICORPO

Quaderno 3856

pag. 359

Anno 2011

Volume I

L’articolo riprende la rivalutazione che si va progressivamente affermando della religione come fattore sociale positivo in quanto anticorpo per il dilagante malessere morale della società italiana. In un contesto culturale in cui altri scorgono una deficienza della classe dirigente europea, che ha puntato soltanto sull’economia per l’opera di avanzamento del continente e ha accantonato sia la tradizione umanistica sia la religione, che di essa è parte integrante, la funzione di anticorpo sociale spetta sicuramente anche ai cattolici. Non è azzardato dire che, in Italia, per motivi storici, spetta principalmente a loro.

Acquista il Quaderno