ETICA SOCIALE E MERCATO DEL LAVORO

Quaderno 3638

pag. 133

Anno 2002

Volume I

Il mercato del lavoro registra una serie di trasformazioni di tale consistenza da suscitare da più parti l’esigenza di una valutazione etica. Nell’articolo ci si interroga sulla natura e sulla bontà di questa metamorfosi e sulle conseguenze che può avere sulla vita delle persone e sui valori dell’esistenza individuale e sociale. Si conferma che il lavoro è per l’uomo un’esperienza fondamentale perché, oltre a costituire uno dei mezzi principali per esprimere la propria personalità e contribuire al progresso della società, è la base per il concreto esercizio di molti altri diritti propri del cittadino. Di questo bisogna tener conto nella disciplina che regola le nuove forme contrattuali del lavoro, le quali non devono dimenticare la ricaduta sul sistema nella sua interezza.

Acquista il Quaderno