foto: Antonio Spadaro

DIPLOMAZIA E PROFEZIA. PAPA FRANCESCO IN MYANMAR E IN BANGLADESH

Quaderno 4020

pag. 575 - 589

Anno 2017

Volume IV

16 dicembre 2017

ABSTRACT – Nel suo itinerario verso est, dopo la Corea (2014), lo Sri Lanka e le Filippine (2015), Francesco si è recato in Myanmar e in Bangladesh, due nazioni molto diverse ma accomunate da una storia tragica e sanguinosa, in cui popolazioni cattoliche relativamente piccole, mostrano però una vita ecclesiale vivace.

Profezia evangelica e diplomazia: forse così si potrebbe riassumere così il senso di questo viaggio apostolico nel cuore del continente asiatico. Un viaggio difficile che ha mostrato il volto della Chiesa «ospedale da campo», che non è solo una metafora. Spesso è proprio l’ospedale la forma che la Chiesa assume anche in Myanmar e Bangladesh per dare la propria testimonianza.

Nell’itinerario di Francesco nel cuore dell’Asia c’è una dimensione geopolitica, che si intreccia con la questione religiosa. Dialogo politico e dialogo interreligioso, dunque, sono le forme della «cultura dell’incontro» che Francesco predica da sempre. Nello sguardo di Francesco, le piccole comunità cristiane in Paesi che hanno altre maggioranze hanno il valore di «seme» di futuro, con il compito eminentemente profetico di costruire legami e ponti. Non a caso Francesco, nel 2015, aveva creato il primo cardinale originario del Myanmar, Charles Bo, arcivescovo di Yangon; e il 9 ottobre 2016 aveva annunciato la creazione a cardinale dell’arcivescovo di Dacca, mons. Patrick D’Rozario. Francesco è convinto infatti che proprio queste piccole chiese oggi abbiano qualcosa di importante da insegnare alla Chiesa universale.

In Myanmar e Bangladesh, Francesco ha agito per favorire il dialogo tra etnie e religioni, cercando soluzioni costruttive alle crisi. È la chiave della «diplomazia della misericordia» di Bergoglio: non fa cose per pressione mediatica o per acquisire luce positiva, ma fa quel che deve fare per «costruire» ponti e tenere aperte le porte del dialogo. Senza mai negoziare la verità.

Emblematico il caso dei rohingya. In Myanmar ha saputo parlarne – e tanto! – in modo da essere ascoltato senza acuire le tensioni e provocare irrigidimenti e polarizzazioni che avrebbero soltanto complicato la loro situazione. E poi li ha incontrati in Bangladesh, faccia a faccia. In questo senso ha saputo sapientemente coniugare diplomazia e profezia. E ha lasciato sotto i riflettori del mondo per diversi giorni la tragedia di una popolazione perseguitata, costringendo i giornali a parlarne.

Infine, è stato anche un viaggio con «le porte del cuore» aperte alla Cina. Non soltanto per il fatto che il Myanmar confina con quel grande Paese per 2.200 km. Ci sono stati alcuni segnali visibili di questa attenzione reciproca e il Papa stesso non ha nascosto il suo desiderio di un eventuale viaggio che «farà bene a tutti».

*******

DIPLOMACY AND PROPHECY. Pope Francis in Myanmar and Bangladesh

On his journey to the east, after Korea (2014), Sri Lanka and the Philippines (2015), Francis went to Myanmar and Bangladesh, with «doors of the heart» open to China. A difficult journey, balanced between evangelical prophecy and diplomacy, which showed the «field hospital» face of the Church, aware of the open wounds and of the work needed for their recovery. Regardless of media pressure, Francis sort to foster dialogue between ethnic groups and religions, seeking constructive solutions to the crises, such as that of the Rohingya’s. And he did it all together with small but very much alive Churches, such as those in Myanmar and Bangladesh. In fact, Francis is convinced that today they have something important to teach the universal Church.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4020.

Acquista il Quaderno

«Essere nei crocevia della storia»

Dal 26 novembre al 2 dicembre papa Francesco ha compiuto il suo ventunesimo viaggio apostolico fuori Italia, recandosi in Myanmar e Bangladesh. Il mercoledì 29 novembre, subito dopo l’incontro con i vescovi del Myanmar, Francesco è uscito dalla piccola sala...

Nel cuore dell’Asia: Myanmar e Bangladesh

ABSTRACT – Tra il 27 novembre e il 2 dicembre papa Francesco sarà in Myanmar e in Bangladesh per il suo ventunesimo viaggio apostolico. Queste due nazioni hanno una storia tragica e sanguinosa, successiva alla caduta dei vincoli del colonialismo...