DARE UN FUTURO ALLA SIRIA

Quaderno 3912

pag. 561

Anno 2013

Volume II

15 giugno 2013

 Con la guerra in Siria ci sono soltanto perdenti. Il conto degli uccisi si avvicina ai 100.000. I rifugiati all’estero sono 1.500.000, ma altre centinaia di migliaia non sono registrati. Sono 4.200.000 i siriani sfollati interni per paura delle violenze o perché le loro abitazioni sono state distrutte. E, nel complesso, 6.800.000 persone, un quarto della popolazione della Siria, hanno urgente bisogno di assistenza umanitaria. Si moltiplicano persecuzioni etnico-religiose, torture, brutalità, crimini di guerra contro civili innocenti, distruzione di luoghi di culto, saccheggi, rapimenti a scopi politici o estorsivi. Anche la Santa Sede promuove una soluzione politica, che in primo luogo punti al cessate il fuoco e insieme assicuri smilitarizzazione del conflitto politico interno, indipendenza, unità e integrità territoriale della Siria, creazione di un Governo di transizione con pieni poteri esecutivi, che permetta l’accesso delle organizzazioni umanitarie, predisponga una riforma costituzionale.

Acquista il Quaderno