INTERPRETAZIONE PSICOANALITICA DELLA MISTICA

Quaderno 3677

pag. 383

Anno 2003

Volume III

6 settembre 2003

L’articolo prende in esame il rapporto tra psicanalisi e mistica, descrive brevemente i fondamenti delle dottrine di Freud, Jung e Fromm e si sofferma sui due ultimi autori per l’attenzione da loro riservata al fenomeno mistico. Rileva poi l’arbitraria interpretazione di Fromm della teologia di Eckhart. Nelle osservazioni conclusive si segnalano i contributi positivi della psicanalisi alla psicopatologia e agli stessi studi di mistica e, insieme, la sua pretesa a porsi come scienza onnicomprensiva dell’uomo, costituendo con ciò un caso particolare delle neuroscienze contemporanee che, esulando dal loro ambito, si propongono come unica spiegazione dell’uomo, del quale negano la spiritualità.