MARIA, OSTENSORIO DELLA TRINITÀ. LA MARIOLOGIA TRINITARIA NELLA LETTERATURA ITALIANA DEL NOVECENTO

Quaderno 3620

pag. 143

Anno 2001

Volume II

21 aprile 2001

La presenza di Maria nella letteratura dei Paesi occidentali è molto vasta. Anche autori estranei al cristianesimo, dinanzi a lei, avvertono una particolare attrattiva, che traducono in pagine soffuse di misteriosi richiami. Generalmente però questa letteratura mariana — salvo le dovute eccezioni (Dante, Petrarca, Manzoni, Rebora, Turoldo) — si riduce a sentimento, è esaltazione dell’ideale di bontà e di purezza, manca di spessore teologico. L’articolo tenta una veloce ed essenziale carrellata sulla mariologia trinitaria degli autori italiani del Novecento per ribadire che teologia e poesia si integrano e si illuminano a vicenda.

Acquista il Quaderno