LA POLEMICA SUI LIMITI DELLA SCIENZA

Quaderno 3759

pag. 213

Anno 2007

Volume I

L’editoriale prima descrive, secondo la concezione cattolica dell’uomo, la necessità che l’attività della scienza sia normata da princìpi metafisici ed etici. Successivamente, esamina le motivazioni di parte scientista che sostengono l’assoluta autodeterminazione della scienza e della ricerca. I cattolici non si chiudono pregiudizialmente all’apporto della scienza e ne riconoscono il valore e l’influenza culturale. Si rifiutano però di ammettere che la scienza e la tecnica possano modificare l’essenza della condizione umana, la scala base dei valori, insomma il significato della vita dell’uomo. La scienza può certamente modificare i condizionamenti biologici e il quadro esterno della vita e dell’ambiente naturale, ma non può di per sé condizionare lo «spirito», quelle che il Papa chiama «le domande esistenziali ultime».

Acquista il Quaderno