Un’arca per salvarci

L'Osservatore Romano · 06/02/2021

La preghiera abbraccia tutti i bisogni dell’uomo e li affida a Dio. In questo “momento Noè” della storia, come lo ha definito Francesco, la Rete mondiale di preghiera del Papa è in prima linea per sostenere gli sforzi quotidiani per un mondo migliore. «È l’“arca” che può salvarci», spiega il direttore internazionale, il gesuita Frédéric Fornos, in questa intervista a «L’Osservatore Romano». […] Ci sono chiaramente tre intenzioni di preghiera che emergono, come un trittico, intorno alla Giornata mondiale delle famiglie, che avrà luogo a Roma a giugno 2022: per la fede dei giovani, per le famiglie, per gli anziani. Come se durante questo tempo di crisi, il Papa — che nel 2021 ci ha posto la fraternità come bussola — ci invitasse a un’alleanza tra le generazioni, soprattutto tra i più giovani e i più anziani, spesso respinti, perché questo ponte apra una speranza per il futuro. In un articolo su «La Civiltà Cattolica» (n. 4093), il gesuita Jean-Pierre Sonnet ci ricorda che «fin dall’inizio del suo pontificato Papa Francesco è apparso come colui che invocava una nuova intesa tra le generazioni, in particolari tra nonni e nipoti». […]

Leggi tutto su L’Osservatore Romano.

Correlati

«Di generazione in generazione»

C’è un unico tavolo per il nonno e il nipote. / Il futuro si compie ora […]. / Sono presente nelle epoche future / come un ragazzo rizzato sulle staffe (Arsenij Tarkovskij, «Vita, vita»). Se la fede biblica si fonda...