Il prezzo da pagare per Padre Swamy

·

E’ stato un anno terribile anche per Stan Swamy, il gesuita ottantatreenne tenace difensore dei diritti territoriali degli Adivasi (le comunità di aborigeni dell’India). Gravemente malato di Parkinson, l’anziano religioso è accusato di complicità con i naxaliti, i guerriglieri maoisti che il premio Nobel V.S. Naipaul raccontò nel romanzo Semi Magici. Per la sua liberazione si stanno battendo, tra gli altri, la Conferenza episcopale cattolica indiana e l’Alto Commissariato dell’Onu per i rifugiati. […]

In un videomessaggio diffuso poco prima del suo arresto e riportato da La Civiltà Cattolica, Padre Swamy ha affermato di essere parte di un «processo» che «mette in questione i poteri forti che operano in India». «Sono in gioco e sono pronto — ha aggiunto — a pagarne il prezzo, quale che sia». Si tratta, invece, di un prezzo che non deve essere pagato.

Leggi tutto sul Corriere della Sera.

Correlati

L’arresto di Stan Swamy

P. Stan Swamy (Stanislaus Lourduswamy) è un gesuita indiano. Ha 83 anni e ha dedicato la vita allo sviluppo integrale degli adivasi[1] in varie aree dell’India settentrionale. Nativo del Tamil Nadu, ha scelto di servire le missioni settentrionali ed è...