Cina e Santa Sede. La «febbre cristiana» scuote il gigante ateo

Avvenire · 27/09/2018

Una Chiesa fortemente penalizzata dal contesto in cui si trova ad operare, e tuttavia vivace, con un suo dinamismo missionario. Questa, a detta degli esperti, la situazione dei 12 milioni di cattolici cinesi (metà dei quali si riconosce nella “Chiesa ufficiale”), che corrispondono a poco meno dell’1% della popolazione totale, circa 1,3 miliardi di abitanti. […] nello speciale “Accenti” di La Civiltà Cattolica, dedicato alla Cina, padre Joseph You Guo Jiang può osservare che «il cattolicesimo cinese del XXI secolo ha davanti a sé molte sfide e opportunità », a cominciare dalla formazione di un laicato maturo e missionario.

Leggi tutto su Avvenire

Correlati

Cina e Santa Sede: il senso di un accordo

La Sala stampa vaticana ha da poco comunicato la firma di un accordo provvisorio tra la Repubblica popolare cinese e la Santa Sede. Un passo storico, ma non la conclusione di un processo: si tratta del suo avvio, che dovrà...

L’accordo tra Cina e Santa Sede

Il 22 settembre 2018 la Sala stampa vaticana ha comunicato la firma di un accordo provvisorio tra la Repubblica popolare cinese e la Santa Sede. È utile comprendere questo accordo come se fosse davvero un’armonia di note. Verrebbe da dire,...

Il cattolicesimo in Cina nel XXI secolo

Il cristianesimo arrivò in Cina per la prima volta oltre mille anni fa, ma non durò a lungo. Alopen, monaco siriano, introdusse il cristianesimo nestoriano nel VII secolo, durante la dinastia Tang, e fondò diversi monasteri e chiese. Il nestorianesimo...