Studenti protestano davanti al liceo scientifico Lucrezio Caro, Roma, 30 ottobre 1968. Uno studente parla con il megafono. (foto ANSA)

MEZZO SECOLO FA: IL SESSANTOTTO

Quaderno 4031

pag. 417 - 431

Anno 2018

Volume II

2 giugno 2018

ABSTRACT – Cinquant’anni fa scoppiava la contestazione degli studenti. Al centro del lungo periodo che tiene insieme gli anni Sessanta e Settanta si situa infatti un anno di fondamentale importanza, che per gli storici è uno spartiacque: il Sessantotto, l’anno delle rivoluzioni.

Ma che cosa è rimasto di quell’anno cruciale? Sicuramente molte interpretazioni hanno colto nel ’68 solo la lotta per i diritti civili, la liberazione sessuale e la causa che ha portato, in Italia, alla deriva della violenza e del terrorismo. Ma il ’68 è stato soprattutto una generazione che ha contestato il mondo che aveva ereditato, poiché non corrispondeva più alla realtà.

Gli studenti sono stati i primi ad avvertire lo squilibrio tra le istituzioni e i bisogni reali. Una singolare novità emerge dal movimento studentesco: la scoperta della dimensione politica della realtà e della vita personale, formulata negli slogan «Tutto è politica», «Il personale è politico». Una moltitudine di uomini e di donne, tra cui studenti, operai, insegnanti, disoccupati, emarginati, disabili, contestano la società in cui vivono, le istituzioni e lo Stato che le sostiene, l’ideologia discriminatoria che vi è sottesa; e ciò accade non a partire da una dottrina o da una militanza, e nemmeno dalla presa di coscienza di un’ideologia o dall’appartenenza a un partito, ma dall’esperienza esistenziale della propria vita. Si determina così un conflitto fra la persona e il sistema.

Allo scoppio del ’68 i partiti politici non seppero riconoscere ciò che animava gli studenti, e non solo loro. Per la verità, anche la Chiesa, che pure usciva dalla pagina straordinaria di storia del Vaticano II, aveva paura che le sinistre prendessero il sopravvento nelle elezioni di maggio del 1968, e non seppe vedere che i primi a protestare erano proprio i cattolici.

Per alcuni, il ’68 è l’origine di tutti i mali, il principio della rovina della società civile, della scuola, della famiglia, e perfino della Chiesa; per altri, invece, si tratta dell’inizio della società moderna, con una serie di cambiamenti positivi nella democrazia del nostro Paese, nella cultura e nello stile di vita. È inevitabile chiedersi se la contestazione di allora, tutt’altro che immotivata, abbia prodotto la svolta politica che auspicava. Quanto poi influiscano sul presente gli esiti del conflitto tra «autoritarismo» e soggettivismo è difficile a dirsi.

Il cardinale Carlo Maria Martini guardava quell’anno con spirito critico, rifiutandone gli errori, ma insieme invitando a fare tesoro del positivo emerso dal movimento. Egli parlò non di valori o di princìpi, ma di «pungoli dovuti al Vaticano II, e che però il Sessantotto ha esasperato obbligandoci ad affrontarli».

*******

50th ANNIVERSARY OF THE 1968 PROTESTS

 

This year marks the 50th anniversary of the 1968 student protests. Throughout the world, and especially in Italy, the 60’s and 70’s represent years of great turmoil, with ’68 the year of fundamental importance. There are a series of events of immense symbolic value which have marked the modernization of Italy, irreversibly affecting the democratic growth of society. For historians, the protests of ’68 has assumed a «periodizing» dimension, since it traces a radical caesura between what had happened before and what was to follow.  It is also a year which has lasted much longer, «the long Sixty-eight», since it dragged on for a decade, with a definite conclusion in that it changed the world. But what has remained of that crucial year?

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4031.

Acquista il Quaderno

«Un prete cristiano»: don Lorenzo Milani

Alla Fiera dell’editoria italiana a Milano sono state presentate, cinquant’anni dopo la sua scomparsa, Tutte le opere[1] di don Lorenzo Milani, priore di Barbiana[2]. La presentazione ha avuto il 23 aprile un ospite d’eccezione: papa Francesco, intervenuto con un videomessaggio....

Don Lorenzo Milani: un prete «schierato» con il Vangelo

[...] Il fascino di don Lorenzo Milani - morto a Firenze, il 26 giugno 1967 - e l’originalità del suo messaggio restano più vivi che mai. Perché gli scritti e le dure battaglie che affrontò scuotono tuttora le coscienze intorpidite, mettendole...