Emmanuel Macron. Foto: Flickr/European Parliament

LA VISIONE DI MACRON

Quaderno 4031

pag. 473 - 484

Anno 2018

Volume II

2 giugno 2018

ABSTRACT – Il presidente francese Emmanuel Macron ha pronunciato recentemente due discorsi importanti e programmatici, mostrando la sua visione del mondo.

Davanti ai vescovi francesi ha cercato di esprimere la sua idea della laicità francese e del posto che essa può accordare alle religioni, in particolare alla Chiesa cattolica. Il contesto di questo evento è importante. Innanzitutto, per i partiti francesi di sinistra, l’idea stessa di un tale discorso è inaccettabile, e le reazioni sono state molto vivaci. In secondo luogo, la Francia viene dal quinquennato di Hollande (2012-17), caratterizzato da grandi manifestazioni popolari in opposizione ai matrimoni gay (2013), sostanzialmente animate da militanti cattolici, che hanno segnato l’opinione pubblica.

Nell’intervento di Macron, emergono la nota sulla «tentazione ricorrente di strumentalizzare politicamente i cattolici» e le due questioni principali al centro del dibattito tra società francese e Chiesa: migranti e bioetica. Importante una sua sottolineatura sulla laicità che non ha «la funzione di negare la dimensione spirituale in nome di quella temporale». Inoltre egli ha affermato di non voler essere «né l’inventore né il promotore di una religione di Stato che sostituisca la trascendenza divina con un credo repubblicano». Il presidente ha anche proposto un’interessante definizione della Chiesa: non mera «custode dei buoni costumi», ma «fonte di incertezza che percorre tutta la vita e che fa del dialogo, dell’interrogarsi e della ricerca il fulcro stesso del significato, anche per chi non crede». A questa Chiesa «scomoda», Macron chiede di condividere con la società il dono della libertà di parola e di quella spirituale.

Nel discorso al Congresso degli Stati Uniti, il presidente francese ha presentato la sua concezione delle relazioni internazionali, in particolare riaffermando con forza l’attaccamento della Francia al multilateralismo e alla collaborazione. Sebbene sia alleata degli Usa, infatti la Francia ha una propria posizione, specialmente sulle questioni del cambiamento climatico e del Medio Oriente. Riguardo alla Russia, Macron ha affermato di non condividere il fascino per Putin di tanti politici occidentali; e ha sottolineato che la dimensione europea e il partenariato con la Germania restano al centro del suo progetto.

Questi due discorsi, pur di natura diversa, hanno dei punti in comune. Elevandosi sui dibattiti del momento, essi hanno una grande ambizione: enunciano princìpi e propongono prospettive interessanti per il nostro mondo.

Le affermazioni sono forti, e il Presidente avrà bisogno di intermediari – e di risultati – sia sul piano nazionale sia su quello internazionale perché le sue buone intenzioni non si infrangano sugli scogli acuminati di una realtà difficile.

*******

THE MACRON’S VISION

French President Emmanuel Macron has recently delivered two important and programmatic speeches, demonstrating his vision of the world. In his speech delivered to French bishops, he tried to express his idea of French secularism and the place it can grant to religions, especially to the Catholic Church. The second, to the United States Congress, he presented his concept of international relations. Although allied with the US, France maintains its own position, especially on the issues of climate change and the Middle East. The statements were forceful, and the President will need intermediaries – and results – both nationally and internationally so that his good intentions are not broken on the sharp rocks of a difficult reality.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4031.

Acquista il Quaderno

Le elezioni presidenziali in Francia e il futuro dell’Europa

ABSTRACT – Alla fine ha prevalso Emmanuel Macron, che ha conquistato il ballottaggio per le elezioni presidenziali francesi con il 66,1% delle preferenze, contro il 33,9% della sfidante Marine Le Pen. Le recenti elezioni presidenziali francesi sono state eccezionali per...