ARTE E MERCATO

Quaderno 3657

pag. 263

Anno 2002

Volume IV

2 novembre 2002

Una recente legge detta «salva deficit», che riguarda anche il patrimonio artistico, offre lo spunto per ricordare le norme che regolano i beni pubblici, e per valutare gli scopi della nuova gestione dei beni culturali. Essa deve servire, da un lato, a correggere i conti dello Stato, ma anche ad assicurare una migliore tutela e valorizzazione del patrimonio artistico. La nota rileva infine che lo Stato dovrebbe impegnarsi non solo nella conservazione del passato, ma anche favorire la promozione di nuova produzione artistica.