Vaccini anti-Covid, la Chiesa dà il via libera all’uso di feti abortiti per la sperimentazione

Repubblica · 19/02/2021

Sulla “liceità” dell’uso di cellule prese da feti abortiti per preparare vaccini anti Covid-19, i gesuiti tornano alla carica. Sfidando i fulmini delle componenti cattoliche più tradizionaliste e reazionarie, per le quali è peccato mortale non solo interrompere volontariamente la gravidanza, ma anche usare in laboratorio tessuti di feti abortiti per ricavarne prodotti farmacologici. Tema, dunque, controverso e divisivo nell’universo ecclesiale, ma che a sorpresa viene trattato nell’ultimo numero del quindicinale della Compagnia di Gesù, Civiltà Cattolica – le cui bozze prima della pubblicazione sono sottoposte al vaglio della Segreteria di Stato della Santa Sede -, in un ampio e documentato articolo intitolato “Vaccini, come decidere responsabilmente?” a firma di padre Carlo Casalone. […]

Leggi tutto su Repubblica.

Correlati

Vaccini: come decidere responsabilmente?

«Il Vajuolo Arabo malignamente insidia l’uomo dal liminare della vita […] ed infierisce sulla specie umana quasi per distruggerla nel suo nascere. Questo tristissimo pensiero ognora avvivato ed inasprito dalle ripetute stragi del morbo avrebbe dovuto persuadere ogni popolo ad...