«Unorthodox», l’ebrea in fuga dai tradizionalisti che piace (anche) ai gesuiti

Corriere della Sera · 16/07/2020

Più che una miniserie in quattro puntate, «Unorthodox» sembra un film di circa quattro ore, tanto è alta la maestria con cui è girata, con un gioco di spazi (chiuso/aperto) che meriterebbe la gratificazione del grande schermo. Ma non solo: c’è una soluzione alla tensione fra la Comunità e l’Altrove che non sia la fuga? […]

Come scrive La civiltà cattolica, la rivista dei gesuiti, «la serie è scritta egregiamente e interpretata in modo straordinario da Shira Haas, che manifesta una sorprendente plasticità di espressioni e un’intensità coinvolgente. Conformemente al libro, lo scopo della serie non è quello di criticare la “religione”, o anche una particolare comunità, ma, a partire da un caso individuale, quello di mostrare l’aspirazione alla libertà di una giovane donna il cui carattere indipendente soffoca nella vita molto inquadrata di una comunità ultraortodossa».

Leggi tutto sul Corriere della Sera.

Correlati

«Unorthodox». Donna, religione e libertà

Diffusa dal 26 marzo 2020, Unorthodox appartiene al concetto relativamente nuovo di miniserie o serie brevi. Diretta da Maria Schrader, scritta da Anna Winger e Alexa Karolinski, è interpretata con forza da Shira Haas, che colpisce per la sua versatilità...